fbpx

Pannelli solari: la fabbrica etnea di 3Sun sarà “la più grande ed efficiente d’Europa”

Il Ceo della factory catanese spiega la tecnologia dei pannelli bifacciali che catturano energia contemporaneamente dal sole e dal terreno. Forte impatto sull'occupazione con mille assunzioni dirette e mille nell'indotto. La presidente della commissione Ue cita l'iniziativa

La factory catanese 3Sun, produttrice di pannelli fotovoltaici evoluti, è sempre più vicina all’ampliamento della sua capacità produttiva, che si moltiplicherà per 15 volte, passando dai 200 megawatt attuali ai tre gigawatt di capacità installata. Ne parla a FocuSicilia Eliano Russo, Ceo di 3Sun Gigafactory, che spiega come l’obiettivo sia “diventare la più grande fabbrica in Europa e anche la più efficiente”. L’investimento di 3Sun si basa su una tecnologia innovativa, la cosiddetta “eterogiunzione”, che consiste nell’utilizzo del silicio per la produzione di celle bifacciali. “Queste permettono di sfruttare sia la luce in arrivo dal sole che quella riflessa dal terreno”, spiega Russo, “con un indice di bifaccialità che è pari al 95 per cento, il più alto al mondo”.

Leggi anche – Catania capitale europea dell’energia solare: alla 3Sun mille posti di lavoro

Uno sviluppo continuo della tecnologia solare

La tecnologia sarà continuamente implementata da 3Sun. “Queste celle”, sottolinea il Ceo, “sulla linea esistente hanno già raggiunto un’efficienza del 24,6 per cento. È il 20 per cento in più rispetto all’efficienza dei pannelli che vengono oggi commercializzati dai produttori cinesi. Abbiamo l’obiettivo, grazie alla nostra road map di sviluppo, di arrivare a superare il 30 per cento di efficienza entro il 2028”. Questo avverrà “sviluppando ulteriormente la nostra tecnologia e introducendo un ulteriore materiale, che è la perovskite, che accoppiata con il silicio ci permetterà di assorbire uno spettro ancora più ampio di luce e quindi di incrementare ulteriormente l’efficienza, che è già altissima, delle nostre celle”.

Leggi anche – Cgil Catania: bene il progetto di 3Sun sul fotovoltaico, confronto sui tempi

Un forte impatto anche per l’occupazione

L’iniziativa imprenditoriale avrà un forte impatto anche per l’occupazione. “Circa 700 persone, tra quelle che assumeremo”, spiega ancora Russo, “saranno operatori di linea, formati direttamente nella fabbrica, al lavoro sui macchinari che attendiamo vengano consegnati a partire dal prossimo anno. L’impatto sul territorio sarà molto forte. Non solo, infatti, assumeremo mille dipendenti, ma andremo a esternalizzare le attività che riteniamo meno strategiche o meno ‘core’, che verranno svolte in partenariato con altre aziende locali”. Questo, prevede il manager di 3Sun, comporterà un impatto di assunzioni “di circa mille unità sull’indotto, andando così a rafforzare ulteriormente il beneficio che la nostra azienda riuscirà a portare sul tessuto locale”.

Leggi anche – Aeroporto di Catania, l’annuncio: “Col fotovoltaico indipendenza energetica”

3Sun sarà “la cartina di tornasole per la filiera”

Ci sono tutti gli ingredienti perché Catania diventi un modello internazionale. L’eco dell’iniziativa è giunta anche a Bruxelles, dove Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Ue, ha citato 3Sun nel suo discorso sullo stato dell’Unione. Per Russo è la dimostrazione che “quando si investe sulla tecnologia, sull’innovazione e sulle persone si può veramente fare la differenza e si può essere presi ad esempio. Questo è il nostro obiettivo, perché i tre gigawatt che andremo ad installare sono un numero importante, ma rappresentano una piccola parte di quel che servirebbe a livello europeo perché la decarbonizzazione non si trasformi in una dipendenza energetica dai produttori cinesi”. In questo processo, 3Sun sarà quindi come “una cartina di tornasole”, conclude Russo, “un esempio per tutti gli altri soggetti che in Italia e in Europa investiranno sulla filiera del solare”.

- Pubblicità -
Agostino Laudani e Valerio Musumeci
Agostino Laudani e Valerio Musumecihttp://focusicilia.it
Agostino Laudani: Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista. Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli