fbpx

Progetto Fami: 230 migranti a scuola di alfabetizzazione

A lezione d’italiano con 17 corsi dedicati: coinvolti minori stranieri e intere famiglie. Per il 90 per cento degli iscritti l’attestato di lingua italiana per continuare gli studi. I corsisti provenienti dai Paesi terzi hanno acquisito tra i banchi i principali strumenti di comunicazione

L’Abc per i migranti parte proprio dalla conoscenza della lingua. Grazie all’alfabetizzazione è infatti possibile attivare processi di integrazione sociale, linguistica e culturale, imprescindibili per la definizione di nuove opportunità di crescita. Grazie al progetto Fami – Fondo asilo, migrazione e integrazione 2014-2020 Formazione civico-linguistica – dal titolo “L’italiano: la strada che ci unisce”, oggi 237 corsisti provenienti da Paesi Terzi hanno acquisito tra i banchi i principali strumenti di comunicazione da utilizzare nei contesti di vita quotidiana. Minori stranieri non accompagnati ed intere famiglie provenienti da Bangladesh, Afghanistan, Gambia, Marocco, Tunisia, Somalia, Egitto, hanno aderito alle attività didattiche promosse dal Centro per l’istruzione per gli adulti Cpia Catania 2 di Giarre, finanziate dal ministero dell’Interno – dipartimento per le Libertà civili e l’Immigrazione – e messe in atto dall’assessorato regionale della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro, dall’Ufficio speciale Immigrazione della Regione Siciliana, in partenariato con l’Ufficio scolastico regionale Usr Sicilia e con i Centri provinciali per l’Istruzione degli adulti Cpia siciliani.

Una “strada che unisce” attraverso l’italiano

Il progetto , partendo dalla conoscenza dell’italiano, ha creato concretamente una “strada che unisce”, stimolando il confronto con le comunità locali e le altre persone di nazionalità e genere diversi e ha contribuito ad orientare i migranti verso il successivo inserimento scolastico, favorendo quindi la crescita personale di ognuno lungo il progressivo processo d’inclusione e di effettiva integrazione. Le attività didattiche si sono svolte da luglio 2021 a marzo 2023 nelle sedi del Cpia Catania 2 di Acireale, Calatabiano, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Mascali e Randazzo: inoltre, per agevolare i migranti a frequentare le lezioni, i corsi si sono tenuti anche all’interno delle stesse comunità d’accoglienza. Sono stati attuati 17 percorsi formativi di lingua italiana – con differenti livelli di apprendimento – e ben il 70 per cento dei partecipanti ha superato i test per la certificazione, conseguendo l’attestato di formazione civico-linguistica. “Sono ambiziosi gli obiettivi sociali che sono stati raggiunti con il progetto Fami – ha sottolineato Rita Vitaliti, dirigente scolastico del Cpia Catania 2 – in quanto il rapporto fra iscritti e quanti hanno raggiunto il 70 per cento del monte ore previsto per il rilascio dell’attestato è stato superiore alle aspettative, raggiungendo quasi il 90 per cento. Per la prima volta abbiamo stabilito nuove sinergie entrando nelle comunità per coinvolgere i minori direttamente nei luoghi di accoglienza e agevolarne la frequenza costante”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
377FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli