fbpx

Reddito di cittadinanza, Palermo prima città in Italia. Al Sud la metà dei sussidi

Le città più interessate dopo il capoluogo sono Catania, Messina e Trapani. L'importo medio dell'assegno supera i 600 euro. Tutti i dati dell'Inps

Le famiglie siciliane che hanno percepito il reddito di cittadinanza nel mese di febbraio 2021 sono 205 mila, per un totale di oltre 500 mila persone. L’assegno medio supera di poco i 600 euro. Sono i dati dell’osservatorio dell’Inps, che monitora l’erogazione dei sussidi in tutto il Paese. Nell’isola la provincia più interessata è quella di Palermo, con 63 mila nuclei familiari beneficiari, pari al sei per cento del totale. L’importo medio è di 660 euro. Un dato che pone il capoluogo siciliano al terzo posto tra le città italiane con maggiori erogazioni dopo Napoli e Roma, al primo in rapporto alla popolazione. Nel capoluogo campano le famiglie interessate sono state 143 mila, pari al 14 per cento del totale. Nella capitale 68 mila, pari al sette per cento del totale.

Leggi anche – Sicilia, sempre più vecchi e disoccupati. Pagano di più le donne

Oltre metà del reddito a Sud e Isole

A livello nazionale, scrive l’Istituto nazionale di statistica, le famiglie beneficiarie sono state “oltre un milione”, e le persone coinvolte “due milioni e 300 mila”. L’importo medio a nucleo “è stato pari a 560 euro”. Numeri in diminuzione rispetto a gennaio, a causa dell’aggiornamento della documentazione necessaria per ottenere l’assegno. “Un’analoga flessione era stata registrata anche lo scorso anno, nello stesso periodo”. Oltre la metà delle erogazioni si concentra al Sud e nelle Isole, con circa 670 mila famiglie beneficiarie, corrispondenti a un milione e 600 mila persone. L’importo medio dell’assegno è di 590 euro. Al Nord le famiglie interessate sono 190 mila, pari a 380 mila persone. L’assegno medio è di 490 euro. Numeri più modesti al Centro, con 140 mila famiglie destinatarie del sussidio. La platea è di 290 mila persone, e l’importo medio di 520 euro.

Leggi anche – Reddito di cittadinanza, il 61 per cento dei percettori al Sud

Le città siciliane più interessate

Tornando alla Sicilia, le città più interessate dal reddito di cittadinanza sono Catania (47 mila famiglie), Messina (19 mila) e Trapani (16 mila). Subito sotto la soglia psicologica delle 15 mila famiglie troviamo Siracusa, poi Agrigento (14 mila), Caltanissetta (9 mila) e Ragusa (7 mila). La provincia meno interessata dal reddito è Enna, con poco meno di 5 mila famiglie. Va osservato che i numeri sono proporzionati alla popolazione. Per quanto riguarda la pensione di cittadinanza – destinata alle famiglie i cui componenti abbiano età pari o superiore a 67 anni – i nuclei percettori sono stati poco più di 15 mila, per 18 mila persone interessate. L’erogazione media è di 260 euro. Il maggior numero di famiglie interessate si trova a Palermo, quasi cinquemila, il numero più basso a Enna, 370.

Leggi anche – Catania, al lavoro 600 percettori del reddito di cittadinanza

Gli anni precedenti alla pandemia

Nell’anno che ha visto l’esplosione della pandemia da Covid-19, le famiglie percettrici di reddito di cittadinanza in Sicilia sono state oltre 250 mila, per circa 660 mila persone coinvolte. L’importo medio del reddito è stato di 620 euro. Nel 2019 le famiglie erano poco più di 172 mila, con 470 mila persone raggiunte dalla misura e un importo medio di quasi 580 euro. Per quanto riguarda la pensione di cittadinanza, nel 2020 la platea delle famiglie è stata di circa 23 mila, pari a 27 mila persone. L’assegno è arrivato a 250 euro. Nel 2019 la misura aveva raggiunto circa 20 mila nuclei, per un totale di 23 mila persone. L’importo medio erogato era stato di 225 euro.


Leggi anche – Caritas Catania, in un anno richieste aumentate del 600 per cento

Il reddito d’emergenza (in tre fasi)

Il report dell’Inps da conto anche del reddito d’emergenza, introdotto nel 2020 per far fronte alla crisi economica innescata dalla pandemia. Nell’isola oltre 96 mila nuclei familiari lo hanno ricevuto, per circa 240 mila persone raggiunte. L’importo medio ha superato i 550 euro. A livello nazionale i nuclei percettori di almeno una mensilità del Decreto Rilancio “risultano pari a 292 mila, con 703 mila persone coinvolte e un importo medio mensile di 559 euro”. Per quanto riguarda il Decreto Agosto “sono 255 mila i nuclei beneficiari, con 584 mila persone coinvolte e un importo medio pari a 550 euro”. Il decreto Ristori dell’autunno 2020, infine, ha previsto una mensilità “per i nuclei che non avevano mai beneficiato del Rem”. Le famiglie che hanno usufruito di quest’ultima tipologia “risultano pari a 81 mila, con 168 mila persone coinvolte e un importo medio di 520 euro”.

- Pubblicità -
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
256FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli