fbpx

Regione, 30 milioni di euro per i servizi educativi ai bimbi tra zero e sei anni

Le risorse per i più piccoli saranno gestite dagli assessorati alla Famiglia e all'Istruzione. Scavone; intervento virtuoso per aiutare in particolar modo le donne lavoratrici

Dodici milioni di euro per le “Sezioni primavera” (24-36 mesi) e per la scuola dell’infanzia (tre-sei anni) e 15 milioni dedicati alla fascia zero-tre anni, ai quali si aggiungono altri sei milioni del 2020. Ammontano a 33 milioni di euro i fondi destinati al sistema integrato di educazione e istruzione dalla nascita sino a sei anni i cui servizi, in Sicilia, sono di competenza dell’assessorato alla Famiglia per la fascia zero-tre anni, mentre dell’assessorato all’Istruzione per quelli rivolti ai bambini dai tre ai sei anni. Il sistema definisce, nel complesso, servizi, obiettivi strategici e finalità.

Lagalla: potenziamo il servizio

“Appena ricevuta l’autorizzazione ministeriale, l’erogazione di questi fondi”, spiega l’assessore all’Istruzione, Roberto Lagalla, “permetterà di potenziare il servizio e rispondere adeguatamente alle esigenze manifestate da tante famiglie siciliane. L’abbattimento dei costi per le mense, l’accoglienza gratuita di bambini in condizioni disagiate, un rilevante numero di ‘Sezioni primavera’, l’istituzione di Poli didattici per la ricerca pedagogica e didattica e la formazione del personale permetteranno il consolidamento di un sistema integrato capace di garantire continuità didattica e innovazione, coerentemente con l’attenzione posta dal ministro Bianchi al sistema educativo fino ai sei anni, prioritario per il corretto avvio del processo di pre-scolarizzazione dei più piccoli”.

Leggi anche – Scuola in presenza, “scommettere solo sui vaccini è rischioso”

La distribuzione dei fondi

In particolare, con riferimento alla programmazione regionale per la fascia tre-sei anni, l’assessorato all’Istruzione ha ripartito i 12 milioni di euro per l’anno 2021-22.
Alle scuole dell’infanzia delle nove province saranno assegnate le seguenti risorse: Agrigento, 1,3 milioni di euro; Caltanissetta, 607 mila euro; Catania, 2,2 milioni di euro; Enna, 277 mila euro; Messina, 1,4 milioni di euro; Palermo, 3,6 milioni di euro; Ragusa, 805 mila euro; Siracusa, 998 mila euro; Trapani, 865 mila euro. Grazie al finanziamento disposto dal governo Musumeci, saranno mantenute 244 “Sezioni primavera”, per bambini di età compresa tra i 24 e i 36 mesi.

I contributi per le paritarie

Inoltre, negli istituti paritari, è prevista l’accoglienza gratuita di due bambini a sezione, grazie a un contributo di millecinquecento euro assegnato per ognuno di loro, con priorità per i soggetti disabili o con Isee inferiore a 12.058,82 euro. Sempre nelle scuole paritarie, sarà erogato di un ulteriore contributo di 3.900 euro per ogni sezione, in totale oltre quattro milioni di euro, destinato al recupero delle maggiori spese di gestione sostenute in occasione della pandemia e, in particolare, per l’abbattimento delle rette a carico delle famiglie, prioritariamente per quelle con Isee inferiore a 15.748,78 euro.

Leggi anche – Sicilia, a scuola con la mascherina. Regione: spingere sulle vaccinazioni

I finanziamenti per le statali

Alle scuole dell’infanzia afferenti al sistema pubblico statale è, invece, finalizzato un contributo per il sostegno economico al servizio di refezione, con l’intento di favorire il prolungamento del tempo scuola e di contenere gli oneri a carico delle famiglie.
Agli istituti statali per l’infanzia della provincia di Agrigento sono destinati, nel complesso, 408 mila euro; a Caltanissetta 288 mila euro; a Catania 513 mila euro; a Enna 206 mila euro; a Messina 543 mila euro; a Palermo 388 mila euro; a Ragusa 457 mila euro; a Siracusa 495 mila euro; a Trapani 340 mila euro.

I poli didattici per l’infanzia

Il nuovo sistema integrato zero-sei anni prevede, inoltre, la costituzione di Poli didattici per l’infanzia in ogni provincia che, in collaborazione con Università o enti accreditati, potranno attivare percorsi di ricerca e formazione per favorire lo sviluppo e il consolidamento del progetto didattico. I Poli, fino a un massimo di dieci, saranno individuati, con procedura a evidenza pubblica curata dall’Ufficio Scolastico Regionale (Usr), a seguito di presentazione di progetti da parte delle istituzioni scolastiche interessate. Sono, infine, previste azioni mirate alla formazione del personale del Sistema integrato, affidando alle predette scuole Polo il compito di organizzare 62 moduli di 30 ore ciascuno, per docenti ed educatori del territorio. Per ogni modulo, sarà assegnato alle scuole Polo un budget di tremila euro.

Leggi anche – Scuola, la denuncia di Cgil Sicilia: fondi insufficienti per l’assistenza ai disabili

Fondo specifico per i Comuni

Da parte sua, l’assessorato regionale alla Famiglia ha provveduto a definire la ripartizione ai Comuni siciliani di oltre 15 milioni di euro, per interventi a favore del potenziamento degli asili nido e dei servizi educativi zero-tre anni, ai quali si aggiungono altri sei milioni di euro del 2020 ancora a disposizione dei Comuni. I servizi saranno implementati attraverso un fondo specifico con l’obiettivo di aumentare la presa in carico dei bambini della fascia zero-tre anni.

Scavone: aiuto a donne lavoratrici

“Un intervento che punta ad un recupero virtuoso dalla posizione di retroguardia che abbiamo trovato”, ha dichiarato l’assessore alla Famiglia, Antonio Scavone, “Gli asili nido sono la prima doverosa risposta che deve essere garantita alle famiglie ed in particolare alle donne lavoratrici. Puntiamo sul rafforzamento dei servizi comunali e del sistema accreditato. Un investimento di 21 milioni di euro che ci consentirà di aumentare l’offerta ben oltre il 10 per cento dei posti in atto disponibili con un accesso che sarà consentito anche alle famiglie con reddito basso, pur superando la soglia Isee”.

Leggi anche – Sicilia, si torna a scuola il 16 settembre. Lagalla: “Studenti in piena sicurezza”

Le linee guida sull’utilizzo

In base alle linee guida, il 60 per cento delle risorse dovrà essere utilizzato per applicare tariffe ridotte alle famiglie sostenendo i costi di gestione degli asili nido comunali e quelli privati iscritti all’albo regionale. La restante parte del Fondo sarà destinata al consolidamento dei servizi educativi comunali e all’acquisto di posti in strutture gestite da enti del terzo settore iscritte all’albo regionale.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli