fbpx

Regione, finanziaria 2023: “Affrontate le emergenze, conti in equilibrio”

La legge di Stabilità regionale, dal valore complessivo di 16,5 miliardi di euro, è stata approvata dalla Commissione Bilancio dell'Ars. Il commento del presidente Schifani e dell'assessore all'Economia Falcone

“Dopo una lunga e proficua sessione di lavoro in Commissione Bilancio, ha preso forma una legge di Stabilità dal valore complessivo di 16,5 miliardi di euro che si poggia su tre pilastri: la certezza dei conti, il sostegno all’economia e allo sviluppo, l’ascolto di tutte le forze politiche e sociali della Sicilia. Non c’è un solo ambito d’intervento o socio-economico che non viene toccato dall’intervento della Regione, a dimostrazione dell’attitudine servente che ispira l’azione di governo della giunta Schifani”. L’assessore regionale all’Economia Marco Falcone commenta così l’approvazione da parte della Commissione Bilancio dell’Ars del testo della Finanziaria 2023, che sarà composta da una quarantina di articoli che accolgono un centinaio di emendamenti. 

Schifani: “Equilibrio dei conti e difficoltà sociali”

“Siamo chiamati – evidenzia il presidente della Regione, Renato Schifani – a coniugare l’esigenza di garantire l’equilibrio dei conti con il dovere di far fronte alle conseguenze di una congiuntura economica e sociale particolarmente difficile a causa degli effetti della pandemia e della guerra. Questo deve richiamare tutti noi a un maggiore senso di responsabilità. Il governo regionale con questa manovra finanziaria sta facendo la propria parte. Ringrazio la Commissione per il lavoro svolto e auspico che in Aula con le forze politiche, anche di opposizione, si instauri un clima costruttivo, pur nella differenza naturale di posizioni, che miri all’esclusivo interesse dei siciliani”. “La manovra, da lunedì prossimo incardinata in Aula – prosegue Falcone – garantisce l’equilibrio finanziario della Regione, abbracciando diverse iniziative dal chiaro approccio interventista, tese a favorire la ripresa economica. In primo luogo ricordiamo i 300 milioni di euro stanziati per favorire le nuove assunzioni, a cui si aggiunge l’azione dell’Irfis e un utilizzo finalmente compiuto dei fondi extraregionali a nostra disposizione, per avere ricadute certe nel tessuto produttivo e occupazionale dell’Isola”.

“Formalizzati aumenti Istat e adeguamento salari”

Aggiunge poi l’esponente del Governo Schifani: “In un contesto di forte inflazione, la Regione ha voluto mandare un segnale anche al mondo dei dipendenti e del precariato che vede contrarsi il proprio potere d’acquisto. Per i lavoratori forestali, i Pip, i lavoratori Rmi abbiamo formalizzato l’adeguamento Istat e l’aumento dei salari, mentre introdurre le 36 ore settimanali per i lavoratori Asu significa dare dignità a una categoria bistrattata da anni, come da impegno che lo stesso presidente Schifani aveva assunto”. Inoltre, ricorda Falcone, “una spinta decisiva arriva, dalla nostra Finanziaria, ai Comuni siciliani: alla certezza dei trasferimenti ordinari, di cui anticiperemo a maggio le prime tre trimestralità, affianchiamo la misura straordinaria del Fondo di progettazione da 200 milioni di euro. Le amministrazioni locali potranno così avvalersi di risorse e professionalità aggiuntive per cogliere tutte le opportunità di finanziamento che si prospettano nell’attuale congiuntura. Infine – conclude – sono numerosi gli interventi in ambito culturale, turistico e sportivo che hanno integrato la manovra sotto il profilo delle sensibilità territoriali, senza intaccarne la strategia complessiva. Una conferma dell’attenzione reale e sincera che il governo Schifani e il Parlamento siciliano hanno saputo accordare verso tutte le categorie”.

Approvata anche norma per rafforzare l’Arpa

Approvata in commissione Bilancio inoltre la norma del governo regionale che rafforzerà l’Arpa, l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente. Il testo prevede una riformulazione del cofinanziamento dell’ente che sarà così suddiviso: 24 milioni di euro dal Fondo sanitario regionale, a cui sarà ancorata la programmazione dei Livelli essenziali dell’assistenza (Lea), e 7 milioni di euro direttamente dalla Regione Siciliana. “Tutela e protezione dell’ambiente rappresentano uno degli obiettivi strategici del mio governo – afferma il presidente della Regione, Renato Schifani – Con le risorse stanziate, da un lato garantiamo la tranquillità lavorativa dei dipendenti, dall’altro diamo impulso a un ulteriore slancio dell’agenzia”. “Siamo al lavoro per dare sicurezza ad Arpa, un’agenzia fondamentale per la tutela dell’ambiente e per la salute pubblica – spiega l’assessore al Territorio e all’Ambiente, Elena Pagana – Con questo provvedimento accogliamo le indicazioni della Corte dei Conti mettendo al sicuro i fondi e, di conseguenza, i lavoratori. Prevederemo inoltre degli obiettivi da raggiungere e una programmazione ben precisa”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli