fbpx

Regione, tavolo sul caporalato. “Privato e pubblico insieme contro la schiavitù”

Obiettivo dell'organismo, ha detto l'assessore regionale alla Famiglia Nuccia Albano, "migliorare la vita di chi vive una condizione di grave sfruttamento". I componenti designati

Adottare una strategia contro lo sfruttamento e il caporalato, anche attraverso la costituzione di gruppi di lavoro specifici sulla materia. È quanto deciso durante l’ultima riunione del tavolo tecnico regionale che si è svolta presso l’assessorato della Famiglia, delle politiche sociali e del lavoro in via Trinacria a Palermo. “Questo organismo”, commenta l’assessore Nuccia Albano, “ha tra i suoi obiettivi quello di stimolare e indirizzare l’azione dei soggetti pubblici e privati coinvolti. Un ruolo che deve svolgere con grande responsabilità, nell’auspicio che, con questo impegno, si possa realmente migliorare la vita di chi vive una condizione di grave sfruttamento e in alcuni casi di vera e propria schiavitù”.

I componenti del tavolo

Il “Tavolo regionale di contrasto al grave sfruttamento lavorativo e al caporalato” intende anche rafforzare l’azione e la composizione dell’Osservatorio siciliano sul fenomeno migratorio, oltre a prevedere, nell’ambito della redazione del Piano triennale per l’accoglienza e l’inclusione e il collegato Programma annuale, una sezione dedicata come Piano regionale anti-tratta. Il Tavolo, presieduto dall’assessore Albano è composto, tra gli altri, anche dall’assessorato dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea; dal dirigente dell’Ufficio speciale immigrazione; e dai dirigenti generali regionali di Famiglia e politiche sociali, Orientamento, Pianificazione strategica, Attività sanitarie e osservatorio epidemiologico, Formazione professionale, Agricoltura e Sviluppo territoriale, che hanno partecipato direttamente o attraverso loro delegati. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli