fbpx

Reti fognarie, in Sicilia interventi per 1,8 miliardi di euro. La metà nel catanese

I lavori riguarderanno tutte le province tranne quella di Enna. Ad assorbire la maggior parte dei fondi saranno i Comuni dell'hinterland etneo

Oltre 60 interventi di estensione delle reti fognarie e di adeguamento degli impianti di depurazione in Sicilia, per un costo complessivo di un miliardo e 800 mila euro. Sono i numeri contenuti nella relazione sulle attività del Commissario unico per la depurazione, Fabrizio Giugni, che fa il punto sullo stato di avanzamento dei lavori a febbraio 2021. Gli interventi sono necessari per superare alcune condanne della Corte di giustizia europea allo Stato italiano. Sono interessate tutte le province siciliane, tranne quella di Enna. Il maggior numero di interventi – ben dodici – avverranno a Palermo. I lavori riguarderanno “il completamento fognario e potenziamento dell’impianto di depurazione”. La maggior parte degli investimenti si concentreranno però nel catanese, “per un valore complessivo di circa un miliardo di euro”.

Un miliardo di lavori a Catania

Nello specifico, a Catania sono previsti otto interventi. Si tratta di lavori di potenziamento dei depuratori esistenti e di estensione delle reti fognarie, che riguarderanno Misterbianco, Acireale, Adrano, Caltagirone, Mascali, Scordia e Militello in val di Catania, oltre allo stesso capoluogo etneo. È previsto inoltre l’adeguamento dell’impianto di depurazione di Palagonia. Per quanto riguarda Messina saranno realizzati nove interventi, per un costo complessivo di circa 94 milioni di euro. Si tratta del potenziamento dei depuratori della fascia costiera tirrenica e in particolare di Capo D’Orlando, Furnari, Gioiosa Marea, Messina Tono, Milazzo, Patti, Sant’Agata di Militello e il collettamento di Torregrotta.

Il dettaglio degli interventi finanziati nelle otto province siciliane

Gli interventi su Palermo

In provincia di Palermo sono previsti 22 interventi, per un costo complessivo di circa 201 milioni di euro. Tredici riguardano direttamente il capoluogo, dove sono previsti l’adeguamento e il potenziamento dell’impianto di depurazione di Acqua dei Corsari, il completamento del collettore sud-orientale, la riconversione dell’impianto di depurazione di Fondo Verde. Previsto anche il completamento delle reti fognarie di zone periferiche della città, con l’eliminazione di alcune situazioni di sversamento di acque nere nel sistema di canali di acque bianche Passo di Rigano, Mortillaro e fiume Oreto. Saranno effettuati interventi fognari a Santa Flavia, Cefalù e Misilmeri. Questi comuni saranno interessati anche da lavori sui depuratori, che riguarderanno anche il paese di Trabia. Previsto infine un nuovo schema di collettamento di Cinisi e Terrasini all’impianto consortile di Carini.

Ragusa, Siracusa, Trapani

In provincia di Ragusa saranno realizzati due interventi, per un costo complessivo di circa 36 milioni di euro. Uno riguarda il potenziamento del depuratore di Ragusa, l’altro l’adeguamento del depuratore di Vittoria, che comprende anche la realizzazione della rete fognaria della frazione di Scoglitti. In provincia di Siracusa è previsto un solo intervento integrato di estensione delle reti fognarie, collettamento e realizzazione dell’impianto di depurazione di Augusta, per un costo complessivo di circa 60 milioni di euro. In provincia di Trapani saranno effettuati 11 interventi, per un costo complessivo di circa 162 milioni. Si tratta di lavori sui depuratori e sulle reti fognarie dei Comuni di Campobello di Mazara, Castellamare, Castelvetrano Mazara del Vallo e sulle sole reti fognarie di Marsala.

La mappa della Regione siciliana con la distribuzione degli interventi

Le altre province

Ad Agrigento sono previsti otto interventi, per un costo complessivo di circa 68 milioni di euro. Tra i più rilevanti, l’impianto di depurazione e a servizio del Comune di Favara e della fascia costiera di Agrigento, il secondo modulo dell’impianto di depurazione di Sciacca e il completamento delle reti fognarie di Sciacca, Agrigento, Porto Empedocle e Ribera. A Caltanissetta, infine, ci saranno due interventi, per un costo complessivo di circa 23 milioni di euro. Uno attiene all’adeguamento dell’impianto di depurazione di Gela Macchitella e l’altro è il nuovo sistema fognario depurativo di Niscemi.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli