fbpx

Servizi sociali, a Catania gli “Stati generali” rilanciano il Distretto

Oggi il punto della situazione per quanto riguarda il sostegno alle famiglie e alle fasce più deboli della popolazione. Si è insediata la Rete territoriale delle politiche sociali, che riunisce le istituzioni e tutti gli operatori del terzo settore coinvolti nell'assistenza

“Aiutare quanto più possibile chi ha veramente bisogno di sostegno“: le parole del sindaco di Catania, Enrico Trantino, racchiudono l’obiettivo degli “Stati generali dei servizi sociali“. Si è insediata la Rete territoriale delle politiche sociali, che riunisce le istituzioni e tutti gli operatori del terzo settore coinvolti nell’assistenza. Il territorio interessato è quello del Distretto socio-sanitario 16, che comprende i comuni di Catania (capofila), Misterbianco e Motta S. Anastasia. Tra le misure, il rafforzamento del servizio sociale, il sostegno educativo domiciliare e territoriale, o socio-educativo nelle scuole, il sostegno alla genitorialità e la mediazione familiare, i servizi di prossimità, i tirocini formativi, i progetti utili alla collettività, il trasporto sociale per l’inclusione di persone anziane e con disabilità, le dimissioni ospedaliere protette, i servizi dormitorio, i centri ricreativi, il punto unico di accesso.

Servizi sociali: un’interfaccia continua

“E’ un campo estremamente delicato – ha sottolineato Trantino – e al quale  abbiamo voluto dare una linea di indirizzo. Vorrei che tutti quanti apprezzassimo lo sforzo che viene compiuto. Nel passato recente tutto questo comparto veniva utilizzato più per dare risposte elettorali che sociali. Stiamo cercando di superare le difficoltà, di rivolgerci alla gente, di offrire delle soluzioni attraverso cui rendere anche su questo Catania una città di cui essere orgogliosi, e quando parlo di Catania parlo dell’intero distretto”. Per l’assessore ai Servizi sociali, Bruno Brucchieri, il Distretto “compie un concreto passo in avanti – ha detto – sul tema del sostegno alle persone con fragilità. Attraverso l’attivazione della ‘Rete‘ si avrà una fotografia aggiornata dell’offerta di servizi socio-assistenziali sui territori e dei bisogni delle persone, che si troveranno certamente meno sole ed avranno a disposizione un‘interfaccia continua in grado di cogliere le loro necessità”.

I sindacati: “Una rete operativa e trasparente”

Presenti anche esponenti delle sigle sindacali. “Insieme all’Amministrazione comunale ed al Distretto abbiamo avuto modo di affrontare una serie di tematiche fondamentali per il periodo che stiamo vivendo. Mai come in questi anni, peraltro, il sociale è stato interessato da una serie di misure di finanziamento importanti. Per questo motivo, continuiamo a ritenere importante che ogni euro sia impiegato con criterio e nel tempo più celere possibile, per non perdere queste somme”. Questo il commento dei segretari generali territoriali della Cisl e della Ugl, Maurizio Attanasio e Giovanni Musumeci, la segretaria confederale territoriale della Cgil Rosaria Leonardi, insieme ai segretari di Spi Cgil Margherita Patti, Fnp Cisl Nuccio Nastasi e Ugl Pensionati Giovanni Giacalone, il dirigente sindacale delegato Ugl Salute Giorgio Pizzati, i responsabili di Sunia e Sicet, Agata Palazzolo e Francesco Laudani, la vice presidente Anolf Cisl Catania Alina Slobodyan.

Stati generali: riavviare il dialogo sul fondo povertà

“Dopo quasi due anni in cui non ci siamo riuniti – hanno ricordato i sindacati – finalmente abbiamo potuto riavviare il dialogo anche sul fondo povertà e sui piani di zona. Sul Reddito di inclusione ci è apparso doveroso chiedere la convocazione di un tavolo tecnico con i rappresentanti dell’assessorato regionale del lavoro, dell’Inps e degli enti di formazione professionale, perché riteniamo urgente l’attuazione di una strategia per la presa in carico dei cittadini aventi diritto – aggiungono i sindacalisti. A causa dell’aggravarsi dell’emergenza abitativa, inoltre, il tema dell’abitare richiede una riunione specifica con il Comune che abbiamo richiesto al sindaco. Infine, ci siamo espressi in favore di una maggiore attenzione nei confronti dei lavoratori delle società che si aggiudicano gli appalti, i cui contratti non possono essere sotto soglia accumulando ritardi nei pagamenti”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli