fbpx

Servizi sociali, la Sicilia spende cento euro a persona in meno rispetto al Nord

Il welfare è una voce di spesa particolarmente gravosa per i Comuni, che coprivano nel 2020 oltre il 68 per cento dei costi. Ma le differenze tra Nord e Sud sono enormi, sottolinea uno studio Istat. E in Sicilia più spese della media alla voce “Immigrati, Rom, Sinti e Caminanti”

Nel 2020 in Nord Italia sono stati spesi mediamente 184 euro pro-capite per il welfare, nel Centro 144 euro, mentre la media nazionale è stata di 136 euro. Nell’anno del Covid la Sicilia ha speso invece 85 euro. Sono dati raccolti da Istat nel suo ultimo rapporto sulla spesa dei Comuni per i Servizi sociali, che evidenzia non solo il divario territoriale italiano, ma soprattutto quanto le amministrazioni locali siano fondamentali per i bisogni assistenziali. Questi infatti garantiscono con proprie risorse oltre il 68 per cento delle prestazioni, che nel 2019 è anche cresciuta in Italia del 4,3 per cento, arrivando a 9,7 miliardi di euro. La quota coperta dei servizi sociali ai cittadini offerta dai Comuni è di poco superiore agli 8 miliardi di euro, di cui il 5,1 per cento speso in Sicilia, circa 412 milioni di euro, a cui se ne aggiungono circa 15,5 come contributo della Regione siciliana.

In Sardegna spesa totale più alta che in Sicilia

La spesa media per il welfare in Sicilia, come detto, è molto più bassa rispetto al Nord. Un risultato particolarmente significativo, perché a vincere la sfida del “pro-capite” sono le regioni a statuto speciale. La provincia autonoma di Bolzano arriva a 584 euro, seguita da Trento a quota 334 e dalla Valle D’Aosta a quota 322 euro. Cifre più che triplicate rispetto alla media siciliana anche in Sardegna (286 euro pro-capite) e in Friuli-Venezia Giulia a quota 268 euro. La totalità del Trentino-Alto Adige e la Sardegna sorpassano la Sicilia anche in valori assoluti, con spese per il welfare da parte dei Comuni che arrivano rispettivamente a 493 milioni e a 457 milioni di euro. Spese superiori in valore assoluto si registrano in quasi tutte le Regioni del Nord e del Centro, con il record che appartiene alle due più popolose Lombardia (1,45 miliardi di euro, 145 pro-capite) e Lazio (903 milioni di euro e 157 pro-capite). Dietro la Sicilia sono invece molte delle Regioni del Sud: in Campania i Comuni spendono 74 euro per residente (422 milioni totali), in Abruzzo 71, in Basilicata 57. Record negativo per la Calabria, dove i Comuni spendono solo 28 euro pro-capite in servizi sociali, 53 milioni di euro totali.

Per gli anziani in Sicilia la spesa è più bassa della media

A livello nazionale, i Comuni impiegano circa 3 miliardi al sostegno di famiglie e minori (il 37,5 per cento del totale), circa 2 miliardi, il 35 per cento, per i disabili, 1,25 miliardi per l’assistenza agli anziani (15,6 per cento), 980 milioni per “Immigrati, Rom, Sinti e Caminanti” (4,2 per cento della spesa totale dei Comuni), 430 milioni a servizi vari “multiutenza” (5,3 per cento), e 21,7 milioni, lo 0,3 per cento, alla gestione delle dipendenze. Le cifre, riferisce Istat, sono del tutto paragonabili a quelle del 2019, tranne che per una voce, quella per l’area “povertà” passata da 555 milioni a 983, ovvero un passaggio dal 7,4 al 12,2 per cento della spesa complessiva.
La spesa siciliana si distingue soprattutto per il sostegno a famiglie e minori, una voce che pesa in media il 37,2 per cento nel budget dei Comuni totale (153 milioni), e nella spesa per gli anziani che scende al 9 per cento (37,2 milioni). Più alte della media, il 7,6 per cento, sono invece le spese per “Immigrati, Rom, Sinti e Caminanti” (31,2 milioni), e per la povertà che copre il 13,2 per cento del budget totale (54,5 milioni di euro). Spesa più alta della media anche per quanto riguarda i disabili, 126 ,milioni che rappresentano il 30,2 per cento del totale. Questa spesa è inoltre supportata da un ulteriore contributo della Regione, che nel 2020 dava come ulteriore contributo ai Comuni 14,2 milioni di euro sui 15,5 totali. Il resto (1,38 milioni) è andato a integrare le spese per la voce “Immigrati, Rom, Sinti e Caminanti”.

- Pubblicità -
Leandro Perrotta
Leandro Perrotta
Catanese, mai lasciata la vista dell'Etna dal 1984. Dal 2006 scrivo della cronaca cittadina. Sono presidente del Comitato Librino attivo, nella città satellite dove sono cresciuto.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli