fbpx

Sfratti, nel 2022 la fine del “blocco”. Sunia Catania: “4 mila famiglie a rischio”

Gli sfratti ritorneranno con l'anno nuovo, ma “senza che sia stata predisposta alcuna misura per garantire alle tante famiglie catanesi che perderanno l’alloggio, il passaggio in una nuova casa”, denuncia la segretaria del sindacato etneo Agata Palazzolo

Il 31 dicembre si conclude l’ultima fase del blocco degli sfratti. Eppure, secondo il Sunia di Catania, ciò avviene “senza che sia stata predisposta alcuna misura utile a garantire alle tante famiglie catanesi che perderanno l’alloggio, il passaggio in una nuova casa”. Sul tema interviene Agata Palazzolo, segretaria provinciale  del sindacato degli inquilini. “Temiamo che sul nostro territorio, nel corso del 2022, saranno più di 4000 le famiglie coinvolte in questo dramma. Famiglie che in questi anni non sono state più in grado di sostenere i canoni d’affitto anche a causa della perdita dell’occupazione conseguente alla pandemia”.

In attesa di un tavolo prefettizio

Il Sunia di Catania attende ancora che venga riconvocato il tavolo prefettizio per stipulare un accordo utile a scongiurare quella che Palazzolo definisce “un’emergenza sociale senza precedenti”. “Abbiamo più volte lanciato l’allarme – prosegue – e chiesto che le Istituzioni si facessero carico del gravissimo disagio abitativo di cui gli sfratti sono solo la tragica punta dell’iceberg. Purtroppo sembra che il problema non interessi alle Istituzioni, a partire dal Comune con cui, eppure, avevamo definito un accordo per destinare il 70 per cento dei 4 milioni di euro assegnati per il contrasto alla povertà alimentare e abitativa post emergenza Covid, nonché per contrastare gli sfratti e a agevolare il pagamento dei canoni per coloro che non erano più in grado di onorarli. Ma mentre con i Servizi sociali si definivano i criteri da inserire nel bando, la Giunta comunale ha dirottato tutto il finanziamento per lo sgravio della tari per i soggetti a basso reddito. Riteniamo che il Comune abbia  fatto una forzatura e scelto questa opzione esclusivamente  per rimpinguare le casse municipali, sottraendo queste somme sia al contributo alimentare che a quello abitativo. Il Sunia, così come la Cgil di Catania, ritiene inaccettabile questa gravissima sottovalutazione del problema sfratti e preannuncia nel caso perduri questa situazione ulteriori azioni di lotta”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli