fbpx

Siccità, le richieste di Confcooperative Sicilia: “Fare come in Emilia-Romagna”

“Siccità, basta pannicelli caldi”, Confcooperative Sicilia chiede in Sicilia misure emergenziali analoghe a quelle decise per l’Emilia Romagna e avanza precise proposte

“La Sicilia è indietro almeno di un anno nel contrasto alla siccità, una piaga oggettiva e conclamata da tempo, ma solo adesso riconosciuta come emergenza reale”. In vista del tavolo di concertazione convocato dall’assessore regionale all’Agricoltura, Luca Sammartino, Confcooperative Sicilia chiarisce la propria posizione e preannuncia l’intenzione di non accettare nessun “pannicello caldo”.

“Ci aspettiamo misure come in Emilia-Romagna”

Il presidente regionale di Fedagripesca, Nino Accetta e il delegato per le Questioni Agricole, Alessandro Chiarelli entrano subito nel merito. “Ci aspettiamo l’annuncio di misure straordinarie-la loro premessa- che siano analoghe a quelle adottate in Emilia Romagna per il post alluvione. Le parole non servono se non sono accompagnate da provvedimenti seri e concreti, che vadano ben oltre i confronti su quello che è e su quello che dovrebbe essere”. Lo scopo deve essere quello di impedire alla siccità di determinare la fine di una regione, che investa, invece, sulla disponibilità di risorsa idrica per l’agricoltura e sul turismo. Confcooperative Sicilia non ritiene adeguato il piano di razionamento delle acque. “Inutile cominciare dalle dighe create per alimentare le aziende agricole- fanno notare Accetta e Chiarelli- e danneggiare proprio le imprese, senza coinvolgere al contempo i cittadini-consumatori, a partire dalle loro residenze, dai condomini, molti dei quali privi di punti di accumulo. La disponibilità di acqua h24 oggi è un bene a cui non si può più ambire”.

Al tavolo regionale misure emergenziali e moratorie

Al tavolo regionale Confcooperative Sicilia si aspetta di trovare, quindi, misure emergenziali, moratorie. “Ci aspettiamo misure grazie alle quali agli imprenditori agricoli siciliani, come ai colleghi emiliani e romagnoli, si dia la possibilità di una sospensione dei mutui per un anno. Non possiamo tollerare una separazione netta tra l’Italia che conta e quella, nel Sud, che può continuare a soffrire. Non tolleriamo il principio secondo cui un’alluvione pesi più degli incendi e della siccità che uccidono le nostre imprese”. Confcooperative Siciliaavanza inoltre, un’altra rivendicazione.

Il gasolio “ad accise zero”

“Il gasolio va concesso ad accise zero, ulteriormente scontato rispetto all’euro e 20 di oggi, un prezzo troppo alto. Il 9 aprile ci aspettiamo dalla Regione una “lista della spesa”. Vogliamo sapere quanto il governo regionale ha intenzione di investire e per fare cosa. Alle nostre cooperative agricole, alla canna del gas, pretendiamo di dare risposte. Confcooperative Sicilia lancia, infine, un’idea, utile in prospettiva. “Auspichiamo -concludono Accetta e Chiarelli- un protocollo d’intesa con le maggiori università, a partire da quelle israeliane, che si occupano di risorsa acqua in agricoltura, affinché ci insegnino come si utilizza in maniera razionale. Se in quell’area riescono a realizzare serre nel deserto e ad utilizzare la condensa della notte per irrigare i pomodori di giorno è evidente che hanno una marcia in più in termini di conoscenza”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli