fbpx

Sicilia, “320mila persone vivono in aree a rischio di frane”. L’allarme di Fai Cisl

Il sindacato promuove l'idea di un "piano Marshall per mettere in sicurezza l'Isola", lanciata dalla Regione, ma sottolinea l'importanza di "lavorare in sinergia" per risolvere il problema

“In Sicilia 270 comuni su 390 sono a rischio idrogeologico, 320 mila persone risiedono in aree a rischio di frane, perché l’isola è una delle zone più fragili del Paese. Evitiamo di doverci leccare le ferite ogni volta che accadono calamità naturali come quelle di questi giorni, il territorio va messo in sicurezza subito ”. A dirlo, il segretario generale della Fai Cisl Sicilia, Adolfo Scotti, che chiede al presidente della Regione, Renato Schifani e agli assessori all’Agricoltura e al Territorio, Luca Sammartino ed Elena Pagana, di riunire un vertice con le sigle sindacali. “Da tempo sollecitiamo la giunta regionale a convocare le parti sociali per affrontare il tema del dissesto idrogeologico”, aggiunge Scotti, “ma a oggi questo confronto non è avvenuto. Accogliamo positivamente l’annuncio del governatore di una sorta di piano Marshall per mettere in sicurezza l’isola, ma è fondamentale lavorare in sinergia”.

L’importanza dei boschi

Per la Fai Cisl Sicilia, vanno programmati interventi che vanno dal rilancio della forestazione al corretto utilizzo dei Consorzi di bonifica. “È un dato di fatto, scientificamente dimostrato”, prosegue Scotti, “che la tutela del patrimonio boschivo è un tassello imprescindibile nella prevenzione dal rischio frane, così come è cruciale il ruolo dei consorzi di bonifica che oltre a essere fondamentali per il settore agricolo, sono indispensabili per la manutenzione ordinaria e straordinaria dei torrenti e dei corsi d’acqua”.

L’occasione del Pnrr

I fondi europei e il Pnrr, come sottolinea Scotti, sono la vera occasione di svolta per la questione ambientale in Sicilia. “Non possiamo permetterci di gettare al vento queste risorse”, rimarca il segretario generale della Fai Cisl Sicilia, “dagli errori del passato nella gestione dei finanziamenti Ue in Sicilia, dobbiamo imparare per non sbagliare oggi. Serve un cambio di passo sia in termini gestionali sia di programmazione. Ci aspettiamo che il governo Schifani comprenda l’esigenza di dover dialogare con le parti sociali su temi così urgenti come quello della sicurezza del territorio”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli