fbpx

Sicilia, la Regione con più investimenti nel nuovo Piano Strategico di Terna

Il Piano prevede investimenti per 1,7 miliardi di euro e l’impiego di circa 500 imprese, 2200 tra operai e tecnici e circa 270 professionisti

Nei prossimi 5 anni Terna investirà in Sicilia oltre 1,7 miliardi di euro per lo sviluppo e la resilienza della rete elettrica regionale in funzione della transizione energetica in corso nella quale l’azienda ha un ruolo fondamentale. Con circa il 20 per cento degli investimenti previsti dal Piano strategico complessivo, la Sicilia si attesta come la Regione con più investimenti.

I progetti in Sicilia

Tra i principali interventi previsti nell’arco di piano il Tyrrhenian Link, l’interconnessione che consentirà di accrescere la capacità di scambio elettrico tra Campania, Sicilia e Sardegna, favorendo la piena integrazione tra le diverse zone di mercato con importanti benefici in termini di efficienza; la messa in servizio dell’elettrodotto Paternò – Priolo, che garantirà maggiore sicurezza della rete elettrica tra Catania e Siracusa; l’elettrodotto “Chiaramonte Gulfi-Ciminna”, che collegherà la Sicilia Orientale alla Sicilia Occidentale e migliorerà la sicurezza e l’efficienza della rete elettrica siciliana; il Riassetto di Ragusa, che migliorerà la sicurezza di alimentazione dei carichi nell’area di Ragusa; la nuova stazione elettrica di Vizzini, che consentirà di superare le congestioni sulla rete nell’area centro orientale interessata dal trasporto di produzione da fonte rinnovabile e gli interventi sulla rete nell’area di Catania e il nuovo collegamento elettrico a 600 MW in corrente continua tra Italia e Tunisia che metterà in comunicazione la stazione elettrica di Partanna con una stazione corrispondente nella penisola di Capo Bon in Tunisia.

Demolizione e realizzazione

Gli interventi si sviluppo e ammodernamento previsti nell’arco di Piano Strategico, consentiranno la demolizione di circa 75 km di linee esistenti (di cui 50 km di linee aeree) e la realizzazione di circa 430 km di linee, di cui il 75 per cento in cavo marino e cavo interrato. Dell’investimento complessivo, circa 200 milioni saranno destinati a interventi per ammodernamento e resilienza degli asset esistenti. Il complesso delle opere previste nell’arco di Piano prevede l’impiego di circa 500 imprese e oltre 2200 tra operai e tecnici impegnati in attività di cantiere e lavorazioni in fabbrica; a questi si aggiungeranno circa 270 fra professionisti e studi tecnici. Attualmente, sono 22 i cantieri aperti sul territorio regionale. Terna, con 190 persone quotidianamente impegnate nello sviluppo e nella manutenzione della rete elettrica regionale, gestisce in Sicilia oltre 4500 linee di alta e altissima tensione e 75 stazioni elettriche.

Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

17,361FansMi piace
313FollowerSegui
190FollowerSegui
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultimi Articoli