fbpx

Siciliani all’estero, una legge in arrivo. L’annuncio di Albano all’evento Ersu

La norma, ha anticipato l'assessore, prevede "interventi per il rafforzamento dell'identità culturale, scambi, politiche per il reinserimento in Sicilia degli emigrati di ritorno"

Un disegno di legge sui siciliani all’estero. È l’iniziativa del governo Schifani illustrata dall’assessore alle Politiche sociali Nuccia Albano durante la manifestazione “Sicilia Diffusa”, organizzata il 28 giugno dagli Ersu siciliani, in sinergia con la Confederazione siciliani Nord America. Albano, che ha anche la delega all’Emigrazione, ha annunciato che la norma che l’esecutivo siciliano è in procinto di varare rappresenterà “un autentico ammodernamento degli strumenti operativi nel settore”. Presenti all’iniziativa il capo di gabinetto vicario dell’assessorato Vincenzo Cusumano, la dirigente generale del Dipartimento Famiglia e politiche sociali Maria Letizia Di Liberti, la dirigente del Servizio Emigrazione Michela Bongiorno. I lavori si sono aperti con i saluti del presidente vicario dell’Assemblea regionale siciliana Nuccio Di Paola, che nel suo intervento ha auspicato “che la competitività della Sicilia possa sempre più aumentare, riuscendo a dare occasioni ai nostri talenti di rimanere e di tornare: è questa la sfida che ci aspetta per il futuro della nostra Isola”.

Gli interventi della Giunta regionale

“Il governo Schifani pone particolare attenzione nei confronti dei siciliani all’estero, partendo dal rinnovo dell’esistente Consulta regionale dell’emigrazione, attraverso una Consulta dei siciliani all’estero”, ha evidenziato l’assessora Albano. “Vogliamo incidere efficacemente sulle problematiche e sulle istanze, vogliamo restituire incisività e competenza alla nuova Consulta che corrisponda alle mutate esigenze, con capacità e slancio, inserendo nell’organismo anche i giovani siciliani residenti all’estero. Il disegno di Legge”, ha concluso l’assessora Albano, “prevede, tra l’altro: interventi per il rafforzamento dell’identità culturale, scambi, politiche per il reinserimento in Sicilia degli emigrati di ritorno, innovazione dei processi di informazione e comunicazione in favore dell’associazionismo, creazione del Registro delle associazioni, approvazione di un piano triennale di interventi, una piattaforma digitale dei siciliani all’estero, ma anche mutui-casa dedicati e un fondo di rotazione per fare impresa destinati a chi rientra nell’Isola”.

Dalla parte degli emigrati

Alla manifestazione era presente il presidente della Commissione competente sull’Emigrazione dell’Assemblea regionale siciliana, Fabrizio Ferrara, che ha assicurato “tutta l’attenzione, personale e della Quinta Commissione dell’Ars, verso questa iniziativa del governo regionale Schifani che diventerà anche elemento di sintesi dei cinque disegni di Legge già presentati all’Ars. A tutti i componenti della Commissione”, ha sottolineato il presidente Fabrizio Ferrara, “stanno a cuore i siciliani all’estero e stiamo già concentrando la nostra attenzione proprio sulle proposte legislative che possano contribuire ai temi e alle istanze promosse da chi, siciliano, vive fuori dall’Isola”. Il comandante Vincenzo Arcobelli, rappresentante presso il Consiglio Generale degli Italiani all’estero e presidente emerito della Csna (Confederazione siciliani Nord America), ha accolto “con positività la relazione dell’assessore regionale Nuccia Albano con delega all’Emigrazione, che ha evidenziato alcuni temi dell’emigrazione siciliana nel mondo, quali innovazione, semplificazione, inclusione, opportunità: auspico”, ha concluso Vincenzo Arcobelli, “che il disegno di Legge in questione possa essere approvato in tempi brevi”.

La posizione degli Enti per lo studio

Soddisfazione è stata espressa dal presidente Ersu Palermo, Michele D’Amico che ha organizzato l’evento in sinergia con i presidenti di Ersu Messina, Giovanna Cuttitta, e di Ersu Catania, Salvatore Sorbello, “sia per l’esito della giornata in favore degli accordi scaturiti tra gli Enti per il diritto allo studio universitario siciliani e Csna per favorire gli scambi e i processi di internazionalizzazione in favore degli studenti universitari, sia per la piattaforma politica presentata in occasione dell’evento “Sicilia Diffusa” dal governo regionale Schifani in favore dei nostri fratelli siciliani nel mondo.”

La voce degli amministratori

Durante i lavori, l’assessora comunale di Palermo Antonella Tirrito ha, invece, portato i saluti della giunta comunale di Palermo a nome del sindaco della città Roberto Lagalla, evidenziando come “nel mondo della formazione di livello universitario il sistema degli ERSU siciliani può rappresentare una grande opportunità per i siciliani all’estero, sia per la qualità delle università e degli istituti di alta formazione artistica e musicale siciliani, sia per l’opportunità di borse di studio e posti letto che, insieme al servizio di ristorazione offerto, possono offrire una seria opportunità”. Mentre, l’assessore comunale di Palermo alla Cultura Pietro Cannella ha evidenziato “gli aspetti di accoglienza e di sviluppo in ambito culturale che l’iniziativa Sicilia Diffusa consente, rendendo protagoniste anche le città che, come Palermo, vogliono accogliere i siciliani che vogliono tornare nella propria terra”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli