fbpx

Sit-in dei lavoratori di Enel green power 3Sun. Ugl: “A rischio 700 posti di lavoro”

I lavoratori di Enel green power 3Sun di Catania aderenti a Ugl hanno forti dubbi sul futuro dell'azienda. "A rischio 700 posti di lavoro"

Si terrà lunedì 4 dicembre, dalle 13 alle 15 davanti lo stabilimento della Gigafactory nella Zona industriale di Catania, il sit-in dei lavoratori di Enel green power 3Sun. Uno sciopero indetto dalle Segreterie della federazione Ugl Chimici della regione e di Catania. La protesta nasce dopo l’ennesima proroga del cantiere per la realizzazione della fabbrica di produzione dei pannelli fotovoltaici più grande d’Europa. È arrivata nel momento in cui il 50 per cento del pacchetto azionario sembrerebbe sia stato ceduto a fondi di investimento. “Non sono segnali positivi”, dicono dalla Ugl Chimici Sicilia e Catania. “Il rischio di poter vedere sfumare i 700 posti di lavoro previsti è elevatissimo. Tutto fa pensare a una totale dismissione o ad un sensibile ridimensionamento del progetto. Peraltro già avviato con l’importante coinvolgimento negli ultimi mesi anche della Commissione europea, della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell’Ambiente”.

Leggi anche – 3Sun gigafactory, per Ugl Chimici la Sicilia sarà “hub energetico europeo”

Enel green power 3Sun quale futuro per Catania

“Il silenzio calato di recente sui lavori, che si va aggiungere all’improvviso trasferimento di un top manager da Catania alla casa madre Enel a Roma, sta alimentando forti dubbi. Per questo, la Ugl Chimici vuol vederci chiaro – evidenziano il segretario Raffaele Loddo con il collega etneo Carmelo Giuffrida. Nel contempo, in questi mesi, abbiamo più volte chiesto alla Enel green power 3 Sun, che oggi a Catania impiega oltre 200 dipendenti, il riconoscimento di alcuni istituti contrattuali (indennità di turno e sede disagiata) per un gruppo di lavoratori. Questi, al termine di un periodo di servizio effettuato in Enel distribuzione, hanno fatto rientro nella fabbrica di pannelli fotovoltaici. Siamo molto allarmati”, concludono gli esponenti della Ugl Chimici. Per questo ci aspettiamo le rassicurazioni necessarie per il futuro del polo, con le relative ricadute sull’economia e l’occupazione, e per l’attenzione richiesta nei confronti di chi ci lavora e chiede risposte immediate.”

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli