fbpx

St Catania, da settembre via allo “smart working”. Soddisfazione di Fim Cisl

L’accordo raggiunto, sottolinea il sindacato, prevede anche la possibilità di aumentare le giornate in remoto per lavoratrici e lavoratori in condizioni di fragilità o con figli piccoli

Dal prossimo mese di settembre, in StMicroelectronics verrà introdotto lo smartworking, il cosiddetto “lavoro agile”. La decisione scaturita dalle assemblee dei lavoratori svolte nei siti italiani dell’azienda e che, stamattina, si sono concluse anche nel sito di Catania. Nel sito catanese, i lavoratori hanno condiviso all’unanimità l’ipotesi di accordo raggiunta tra la direzione aziendale nazionale e il coordinamento nazionale delle Rsu di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil, sull’introduzione del “lavoro agile” in Stmicroelectronics a partire da settembre prossimo, e comunque valido per il periodo post emergenziale. L’accordo nazionale ribadisce i principi fondamentali di tale modalità di lavoro, a partire dalla volontarietà da parte del lavoratore, per le mansioni compatibili, per lo svolgimento durante la settimana di parte dell’attività lavorativa da remoto in modalità agile, nel rispetto del diritto di disconnessione. Soprattutto, in una logica di conciliazione vita-lavoro, l’accordo prevede anche la possibilità di aumentare le giornate in remoto, per lavoratrici e lavoratori in condizioni di fragilità o in presenza di figli sotto i sei anni.

L’importanza dell’accordo

“Come Fim Cisl Catania”, affermano Pietro Nicastro, segretario generale Fim Cisl Sicilia, e Francesco Rimi, componente segreteria Fim Cisl di Catania, “manifestiamo soddisfazione per l’accordo raggiunto, dopo una trattativa caratterizzata da un confronto duro ma trasparente, da entrambi le parti, volta a raggiungere un accordo innovativo. Dal nostro punto di vista”, aggiungono, “è un accordo fondamentale sia per attrarre nuovi giovani talenti sia per trattenere i dipendenti di alta professionalità, in un’ottica di maggiore coinvolgimento alla competitività, in un settore in pieno rilancio dello sviluppo industriale come quello dei semiconduttori per il quale l’unione europea ha previsto ingenti investimenti con il Chip Act, presentato a febbraio scorso per rendere il vecchio continente, nel settore, più competitivo tra i colossi asiatici ed americani”.

Il ruolo di Fim Cisl

“L’accordo risponde inoltre”, concludono Nicastro e Rimi, “a quelle importanti innovazioni che la Fim Cisl da tempo porta avanti per conciliare i tempi vita-lavoro delle persone, oltre alla formazione, e alla genitorialità. Un riconoscimento particolare per il lavoro svolto al resto della delegazione Rsu Fim della Stmicroelectronics: Carlo Brugaletta, Amedeo Di Mauro, Massimo Laviano e Giuseppe Pappalardo che hanno contribuito alla complessa trattativa in questione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
326FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli