fbpx

Strutture ricettive in Sicilia, Assoturismo favorevole al ddl

Campeggi, servizi wellness esterni e posti letto nei B&B: Assoturismo Confesercenti audita in V Commissione all'Ars su ddl che disciplina strutture turistiche ricettive. Messina: "Presentate alcune osservazioni ma sull'impianto complessivo il nostro parere è positivo" 

Nei giorni scorsi, rappresentanti di Assoturismo Confesercenti Sicilia sono stati auditi in V Commissione all’Ars sulla proposta di Ddl che dovrebbe riformare la disciplina delle strutture turistiche ricettive in Sicilia. “L’audizione ha consentito di entrare nel merito dei vari provvedimenti di cui si compone il disegno di legge – ha dichiarato il presidente di Confesercenti Sicilia e Assoturismo nazionale,  Vittorio Messina – Abbiamo espresso parere positivo sull’impianto complessivo della proposta e presentato alcune osservazioni utili al comparto sulle quali abbiamo registrato apertura da parte sia dell’assessorato che della Commissione parlamentare”.

Affinare le regole sui campeggi temporanei

Con Messina hanno preso parte alla seduta, il coordinatore regionale di Assoturismo Salvo Basile e il presidente di Assocamping Sicilia Salvatore Di Modica. Proprio sulla ricettività en plein air, Assoturismo ha presentato una delle osservazioni più rilevanti. Nel testo del governo regionale si rimette ai Comuni la possibilità di autorizzare in aree pubbliche e private campeggi temporanei della durata massima di 60 giorni nell’arco dell’anno solare senza fissare indicazioni più specifiche sulle aree e sulle modalità in cui ciò può essere consentito. “Il timore – ha detto Basile – è che si possano porre le basi, in assenza di specifici e stringenti criteri che i campeggi temporanei devono rispettare, per favorire forme di offerte poco qualificate a danno dell’immagine della nostra destinazione“.

Servizi wellness anche per i clienti esterni

Sempre in tema di campeggi, “il rischio – ha aggiunto Di Modica – è anche che possa ingenerarsi una confusione nei confronti dell’utenza a danno dell’immagine percepita della nostra destinazione”. Segnalate anche alcune incongruenze per ciò che concerne la vendita all’esterno dei servizi wellness degli alberghi. “Condividiamo la scelta di aprire i servizi anche a chi non soggiorna nelle strutture – hanno sottolineato i rappresentanti di Assoturismo – ma non comprendiamo perché si vogliano escludere da questi servizi, saune e bagni turchi a vapore”.

Ampliare il numero di posti letto nei B&B

Per quanto riguarda i B&B, tra le proposte di Assoturismo c’è l’ampliamento fino ad un massimo di 20 posti letto anche per le attività svolte in forma non imprenditoriale. “I B&B sono la forma di ospitalità più diffusa – ha detto Messina – ed a volte l’unica esistente in molte aree interne dell’isola ancora poco battute dal turismo. Ampliare la disponibilità di posti letto anche per le attività svolte in forma non imprenditoriale, significa favorire lo sviluppo turistico territoriale a beneficio dell’economia locale e regionale”. L’audizione si è svolta alla presenza oltre che dei componenti della commissione presieduta da Fabrizio Ferrara (FdI), della dirigente generale dell’Assessorato al Turismo Mariella Antinoro e della dottoressa Rosalia Giambrone.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli