fbpx

Sunia Catania, “edilizia pubblica in sicurezza con il bonus 110 per cento”

Con le detrazioni previste dalla misura, gli interventi si realizzerebbero "quasi a costo zero". Le parole della segretaria Giusi Milazzo

La segreteria provinciale del Sunia di Catania chiede la messa in sicurezza sismica e l’efficientamento energetico degli edifici di edilizia residenziale pubblica, utilizzando l’opportunità della detrazione del 110 per cento che consente di realizzare gli interventi quasi a costo zero. È l’opportunità che tante altre Regioni italiane stanno sfruttando per intervenire sui patrimoni abitativi degli Enti pubblici che gestiscono l’Erp (Edilizia residenziale pubblica), con una programmazione che consentirà di cambiare il volto alle periferie e la qualità della vita degli abitanti. Il sindacato degli inquilini lancia in questi giorni una campagna di informazione sulla nuova opportunità. La scadenza imposta dal Legislatore è prevista nel mese di giugno del 2022.

Leggi anche – Sunia, nella Finanziaria regionale assente il problema del disagio abitativo

“Cambiare volto ai quartieri”

“Da tempo segnaliamo che lo stato degli immobili e degli alloggi, il degrado edilizio, la inadeguatezza degli impianti elevatori e degli impianti elettrici, influisce sulla condizione di vita degli abitanti, acuendo il disagio sociale e il sentimento di deprivazione”, dicono la segretaria del Sunia, Giusi Milazzo, e Agata Palazzolo, della segreteria, “Per questo pensiamo che l’utilizzo di questa opportunità sia indispensabile per cambiare volto a Librino, a San Giovanni Galermo e a tutti quei quartieri della città dove c’è un’alta concentrazione di edilizia popolare che ormai mostra i segni preoccupanti di decadimento, sia per la vetustà dei materiali sia per la mancanza di una costante manutenzione ordinaria”.

leggi anche – Comune di Catania in corsa nel bando per l’abitare. Sunia: “Non informati”

“Rilancio dell’attività edilizia”

“Gli interventi di messa in sicurezza ed efficientamento”, proseguono le dirigenti del Sunia, “consentono inoltre di attuare altri interventi accessori tra cui la sostituzione degli ascensori e degli impianti elettrici. Gli assegnatari e gli abitanti degli immobili ne avrebbero importanti benefici tra cui un risparmio sostanziale dei costi dei consumi elettrici e l’eliminazione del problema del cattivo funzionamento degli ascensori che continua a costituire un dramma per gli anziani e i portatori di handicap, spesso prigionieri nei loro alloggi. Ci sembra evidente”, concludono Milazzo e Palazzolo, “che un intervento massiccio sul patrimonio Erp, che a Catania e Area metropolitana conta circa novemila alloggi, significherebbe un rilancio importante dell’attività edilizia e del lavoro edile, falcidiato dalla crisi”. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

19,385FansMi piace
462FollowerSegui
313FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli