fbpx

Troppe auto e incidenti: Catania vuole mezzi pubblici e aria pulita

Tra le città più insicure d'Italia per incidenti stradali (5,72 tra morti e feriti ogni mille abitanti ogni anno), troppe le auto in circolazione (79 ogni cento abitanti), aria inquinata al di sopra della soglia di rilevanza sanitaria, mentre trasporti pubblici e piste ciclabili sono insufficienti

Clean Cities, la campagna itinerante di Legambiente che fa il punto sulle politiche locali per la riduzione dell’inquinamento atmosferico e la mobilità sostenibile, fa tappa in 18 città italiane e tra queste c’è Catania, dove il bilancio non è incoraggiante: è tra le città più insicure d’Italia per incidenti stradali (5,72 tra morti e feriti ogni mille abitanti all’anno), sono troppe le auto in circolazione (79 ogni cento abitanti), l’aria è inquinata al di sopra della soglia di rilevanza sanitaria, mentre trasporti pubblici e piste ciclabili sono insufficienti. Tutti indicatori di mobilità sui quali intervenire in vista degli obiettivi europei del 2030: secondo i nuovi valori limite che stanno per essere adottati, il Pm10 dovrà essere ridotto del 29 per cento, il Pm 2,5 del 23 per cento e gli ossidi di azoto (NO2) del 41 per cento. Proiettando gli andamenti discendenti delle curve di inquinamento nei prossimi anni, “di questo passo – dice Legambiente – non riusciremo a rientrare nei limiti europei fissati neanche nel 2080 per gli ossidi di azoto” e bisogna quindi “raddoppiare gli sforzi per trasporti e a zero emissioni”. Attenzione, però, a spendere bene i soldi: a parte i 317 milioni di euro per il prolungamento di 12 chilometri della metropolitana, il Pnrr finanzierà 78 milioni di euro per 100 autobus nuovi, 90 elettrici e dieci a idrogeno. “Assurdo spendere tanti soldi sia per l’acquisto che per la produzione di idrogeno per soli dieci autobus – osserva Legambiente – perché il costo di gestione su dieci anni è doppio, per l’acquisto è quattro volte più caro di un autobus elettrico”.

(Fonte: Legambiente)

Leggi anche – Biossido d’azoto nell’aria: il killer invisibile a Palermo e Catania

Trasporti pubblici: utilizzo ancora irrisorio

Catania, inoltre, secondo l’analisi di Legambiente, è tra le città più insicure d’Italia, perché sono particolarmente pesanti, decisamente superiori alla media nazionale, le conseguenze degli incidenti stradali: “Il Piano nazionale sicurezza stradale si propone di dimezzare morti e feriti gravi sulla strada, a Catania vanno ridotte ad un terzo. Irrisorio l’utilizzo di trasporto pubblico, inferiore di 15 volte rispetto a Milano e 20 volte meno di quel che si osserva in centro Europa”. La situazione migliora un po’ si si tiene conto delle linee ferroviarie e della nuova metropolitana (dieci stazioni con otto convogli sulla linea) e al recupero parziale delle dieci stazioni delle ferrovie locali, “con cadenze però ancora insufficienti”, sottolineano gli ambientalisti. Grazie ai treni l’offerta elettrica nel trasporto pubblico giunge al 25 per cento e la sharing mobility parte dal nuovo servizio di monopattini elettrici (mille tra i tre servizi), oltre a qualche centinaio di bici e 50 e-bike elettriche (distribuite in 24 stazioni fisse) e 75 auto a Catania del servizio di regionale di AmiGo. È poi insufficiente l’offerta di percorsi ciclabili e non è stato neppure avviato il percorso per un Piano urbano della mobilità sostenibile cittadino. Infine, le strade a velocità calmierata (zone 20 o zone 30, indispensabili per ridurre il rischio-incidenti) sono di appena 19 km e andrebbero moltiplicate di 30 volte entro il 2030.

(Fonte: Legambiente)

Leggi anche – Una nuova tangenziale per Catania caldeggiata dai costruttori etnei

Ogni catanese perde 120 ore l’anno nel traffico

Il circolo Legambiente di Catania ha più volte lanciato l’allarme. Di recente, gli attivisti hanno indossato maschere antigas e appeso striscioni ai balconi dei palazzi. E anche quest’anno, in occasione di Clean Cities, lanciano l’ennesimo grido d’allarme: “Occorre prendere provvedimenti immediati. A causa dell’elevato livello di traffico ogni catanese perde circa 120 ore ogni anno, quasi un mese di lavoro – dichiara Viola Sorbello, presidente di Legambiente Catania – questo colloca Catania al quarto posto in Italia per congestione. Occupiamo le ultime posizioni in tutti i rapporti che valutano la mobilità sostenibile delle città per uso del trasporto pubblico, mobilità ciclistica e pedonale. Le conseguenze più gravi sono per la nostra salute. Per fronteggiare i rischi sanitari connessi alla mal’aria, nel 2015, Catania emanò un’ordinanza molto coraggiosa – continua Sorbello – il divieto di circolazione in un ampio perimetro urbano per tutte le auto alimentate a gasolio tipo Euro 0 e 1. Azione coraggiosa ma del tutto inefficace per l’assenza di azioni repressive contro la violazione a tale ordinanza”.

Leggi anche – Catania, in cerca di una governance per il sistema della mobilità

Difficile raggiungere tutto a piedi in 15 minuti

Legambiente ha anche calcolato l’indice di prossimità per Catania. Basato su dati aperti ed elaborato dalla Deda Next, l’indice è uno strumento utile e immediato per ripensare la città, mettendo al centro le persone e le loro esigenze. Si basa su una mappa interattiva che rappresenta una fotografia di quanto la città sia percorribile nella logica dei “15 minuti”: gli esagoni verdi rappresentano le zone in cui i cittadini possono raggiungere a piedi, in un quarto d’ora al massimo, partendo dalle proprie abitazioni, i diversi punti di interesse: alimentari, ristorazione, istruzione, salute, banche e poste, verde pubblico, intrattenimento, commercio. Le zone cambiano colore indicando tempi gradualmente più lunghi e quindi la difficoltà di spostarsi senza dover necessariamente ricorrere all’uso dei mezzi. La mappa è destinata a amministrazioni, urbanisti e cittadini e serve a pianificare il cambiamento, disegnare nuovi percorsi ciclo pedonali, avvicinare i servizi e semplificarne l’accesso, ridurre le disuguaglianze e migliorare la coesione sociale, dando valore a una nuova dimensione sostenibile di vicinato.

La mappa dell’indice di prossimità per l’istruzione indica che a Catania andare a scuola a piedi è un privilegio in gran parte dei quartieri (Fonte: Legambiente)

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli