fbpx

Truffe online, Fabi Palermo: contro il phishing serve “un’educazione digitale”

Ogni istituto di credito o istituzione finanziaria, scrive la sede regionale della Federazione autonoma bancari italiani, deve dotarsi di un "sistema di autenticazione forte"

C’è un nuovo capitolo nella triste vicenda delle truffe digitali ai danni dei clienti delle banche: una recente sentenza della Cassazione ha affermato che se un cliente di una banca finisce nella ‘trappola’ del phishing e rimane vittima di una frode, la responsabilità è sua e non dell’istituto di credito. Così recita la sentenza numero 7.214 del 13 marzo, con la quale, di fatto, si introduce un principio che rappresenta per le banche una protezione non indifferente di fronte alle richieste di risarcimento danni avanzati da clienti truffati on line. Sul caso interviene la Fabi di Palermo che da tempo ha iniziato una campagna di denuncia ma soprattutto di informazione sul fenomeno, oramai dilagante, delle truffe bancarie online, spesso sottovalutato e caratterizzato dalla tendenza delle banche ad imputare la colpa delle truffe esclusivamente alla disattenzione e/o alla poca accortezza degli utenti.

La normativa sul settore

“Ma non è esattamente sempre così e occorre fare ‘educazione digitale’ rivolta a quelle fasce di clientela non adeguatamente preparate che, a seguito della massiccia chiusura delle agenzie, sono costrette ad adoperare smartphone, app e home banking anche quando non sono in grado”, afferma Gabriele Urzì Segretario Provinciale Fabi e Responsabile Salute e Sicurezza Fabi Palermo. “Noi non facciamo né gli avvocati né i magistrati e le sentenze vanno rispettate, ma siamo molto preoccupati perché le banche rischiamo un contenzioso legale che non fa bene a nessuno. La normativa italiana viene in soccorso del correntista”, precisa Urzì, “e prevede che, se tempestivamente denunciata, sia onere degli istituti di credito provare che l’operazione fraudolenta contestata sia stata autenticata e correttamente registrata e contabilizzata. Ogni istituto di credito o istituzione finanziaria deve dotarsi di un ‘sistema di autenticazione forte’, cioè di una procedura basata sull’impiego di due o più̀ dei seguenti elementi: conoscenza, possesso, inerenza. E sono sempre più recenti casi di clienti che si rivolgono a studi legali e riescono a far valere le loro ragioni”.

Il tema dell’home banking

“Ora, nel caso di che trattasi, il Tribunale di Palermo in primo grado aveva condannato l’intermediario a rimborsare al correntista la somma che era stata sottratta fraudolentemente, ritenendo che l’intermediario non avesse adottato tutte le misure di sicurezza tecnicamente idonee a prevenire danni come quello oggetto di causa. Decisione che è stata riformata dalla sentenza della Corte d’Appello di Palermo, per poi essere confermata dalla Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso escludendo la responsabilità dell’intermediario”. “Noi non ci addentriamo negli aspetti legali o giuridici della circostanza particolare ma occorre stoppare il fenomeno delle truffe online che si è aggravato anche in Sicilia a seguito delle chiusure di tantissime filiali che hanno costretto utenti non preparati all’uso dell’home banking, strumento utilissimo ma che non tutti sono in grado di adoperare con cautela: basti pensare agli anziani, ai soggetti poco scolarizzati e/o avvezzi all’uso del digitale, ma anche a tanti giovani magari bravissimi nell’uso dei Social ma poco attenti all’uso dei canali digitali bancari”.

No ai contenziosi con le banche

“La questione è controversa e preoccupante e si rischia un contenzioso legale che rischia di incrinare il rapporto di fiducia tra banche e correntisti”, aggiunge Urzì. “Secondo i recenti pronunciamenti dell’Abf (Arbitro Bancario Finanziario) le banche hanno un onere gravoso in caso di truffe: devono provare di aver posto in essere ogni tutela estintiva dell’altrui pretesa. In assenza di ciò il correntista avrà diritto al risarcimento del danno patito e, nel caso in cui sia stato vittima di frode, ad esempio di phishing, potrà in certi casi procedere penalmente nei confronti dei truffatori e chiedere il risarcimento del danno alla propria banca. Ma non vogliamo e non possiamo permetterci che si alimenti un contenzioso tra correntisti e banche e ci adopereremo affinché si mettano in atto tutte le misure più idonee ad evitare che dilaghino truffe bancarie soprattutto facendo educazione digitale e coinvolgendo istituzioni esterne e pubbliche perché la sola campagna di sensibilizzazione portata avanti anche da Polizia Postale e Governo non basta purtroppo”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli