fbpx

Vertenza Pfizer, tavolo in prefettura. Ugl scrive a Giorgetti: “Problema nazionale”

Per il sindacato la questione dello stabilimento etneo va affrontata "nella sua globalità e non con la politica dei tagli progressivi". L'appello al ministro dello Sviluppo economico

Si terrà domani, alle 10, nei locali della Prefettura di Catania l’atteso tavolo regionale sulla vertenza Pfizer, voluto dall’assessore della Famiglia, delle Politiche sociali e del Lavoro Antonio Scavone su richiesta delle sigle sindacali che stanno seguendo con grande apprensione la vertenza. Alla presenza del prefetto Maria Carmela Librizzi e del site manager dello stabilimento Pfizer etneo, Giuseppe Campobasso, i rappresentanti delle segreterie generali regionali, di quelle territoriali, oltre che delle segreterie provinciali di categoria, discuteranno della procedura di licenziamento per 130 unità attivata nei giorni scorsi dalla multinazionale farmaceutica.

Leggi anche – Catania, Consiglio comunale su Pfizer: situazione gravissima, salvare il lavoro

Rilanciare il sito

Si partirà dalle posizioni ancora distanti tra lavoratori e società, emerse nel corso dell’esame congiunto avviato martedì 15 in Confindustria, con l’auspicio che la mediazione della Regione e dell’Ufficio territoriale del Governo, possa portare ad una prospettiva diversa con il rilancio del sito. In questo senso, nell’attesa della nuova riunione convocata dall’associazione degli industriali prevista per venerdì 25 alle 15, la federazione nazionale Ugl Chimici ha scritto una lettera al ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti ed al suo vice Alessandra Todde, per chiedere un incontro.

Leggi anche – Licenziamenti Pfizer, l’azienda: “Niente esuberi su Whatsapp, ma via email”

Appello a Mise e Regione

“Il problema oggi non sono più i 130 licenziamenti, programmati dopo il mancato rinnovo del contratto di 80 lavoratori interinali, ma è il futuro imminente dell’intero stabilimento dove operano 660 lavoratori. Senza contare la consistenza dell’indotto”, dicono il segretario territoriale della Ugl, Giovanni Musumeci ed il segretario provinciale della federazione Ugl Chimici Carmelo Giuffrida con i rappresentanti sindacali eletti in Pfizer. “È una situazione che, a nostro avviso, deve essere affrontata nella sua globalità e non con la politica dei tagli progressivi a fronte di una riduzione degli investimenti. Per questo motivo, confidiamo nell’azione congiunta e coordinata del Mise e della Regione a difesa dell’insediamento industriale di Pfizer a Catania”.

Leggi anche – Catania, sindacati contro gli esuberi di Pfizer: “Istituzioni si facciano sentire”

Incentivi all’esodo

“Se c’è la possibilità di incentivare i dipendenti ad una nuova assunzione nel sito di Ascoli Piceno, questa deve essere legata ad un’offerta rivolta all’intero personale di Catania e non solo ai 130 ritenuti in ‘esubero’. Lo stesso vale per eventuali incentivi all’esodo o soluzioni di pensionamento anticipato oppure di ammortizzazione sociale, restando nell’ottica dell’interesse strategico del colosso del farmaco a mantenere la fabbrica nella nostra città”, sottolineano i sindacalisti dell’Ugl. “Lo diremo a prefetto ed assessore, lo ribadiremo anche in Confindustria, evidenziando come quella di Catania è una questione di rilevanza nazionale perché l’Italia, la Sicilia e Catania hanno dato tanto alla Pfizer e non si meritano un simile trattamento”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli