fbpx

Zfm, dopo la perimetrazione i promotori chiedono la legge nazionale

"La Regione ha adempiuto a quasi tutti i passaggi tecnici, adesso si esprima il Parlamento". Così Vincenzo Lapunzina, coordinatore regionale del Comitato per l'istituzione delle zone franche montane in Sicilia

“Con la Delibera di Giunta che perimetra le zone franche montane la Regione Siciliana ha adempiuto a quasi tutti i passaggi tecnici e politici. Adesso si esprimano i due rami del Parlamento in quanto la fiscalità di sviluppo proposta dal Comitato è integralmente compatibile con le vigenti disposizioni legislative e regolamentari, nazionali e comunitarie. Non ci sono impedimenti”, dichiara Vincenzo Lapunzina, coordinatore regionale del Comitato per l’istituzione delle zone franche montane in Sicilia, composto dall’associazione Zfm Sicilia e dagli amministratori dei Comuni interessati alla norma. Associazione e amministratori da oltre 2353 giorni sono impegnati in una battaglia di civiltà, finalizzata alla fiscalità di sviluppo da destinare agli operatori economici che ancora resistono e hanno sede legale e operativa al di sopra dei 500 metri slm, in Comuni con popolazione inferiore ai 15 mila abitanti. L’iniziativa è rivolta ovviamente anche a chi intende trasferire la sede legale ed operativa della propria attività imprenditoriale.

In attesa della decisione sull’Iva

“La misura di politica economica – continua il coordinatore – approvata all’unanimità dal Parlamento regionale è finalizzata al rilancio delle zone interne dell’Isola e così contrastare il lento processo di spopolamento che perdura da tempo. È parte fondante del progetto di vita comune a cui stiamo lavorando e che presenteremo nelle prossime settimane”. L’Ars, il 17 dicembre 2019, ha inviato la Legge voto al vaglio dei due rami del Parlamento in quanto la Regione Siciliana non ha ancora approvato delle corrette norme di attuazione, in materia finanziaria, dello Statuto autonomistico, che prevede la fiscalità di sviluppo, analogamente a quanto da tempo è previsto negli Statuti nelle altre Regioni con specialità simili alla Sicilia. L’ultimo atto, che rimane in capo al Presidente della Regione, Nello Musumeci, è quello di dare corso all’Ordine del giorno approvato dall’Ars lo scorso 11 maggio, che impegna lo stesso “a porre in essere tutte le interlocuzioni istituzionali opportune, affinché la Commissione paritetica adotti provvedimenti idonei a trovare adeguata copertura finanziaria a sostegno delle disposizioni concernenti l’istituzione delle zone franche montane anche destinando, in via prioritaria, a quest’ultime le risorse provenienti dal gettito dell’Iva all’importazione”. A tal proposito il presidente Musumeci ha manifestato l’impegno di coinvolgere la Commissione paritetica, Stato-Regione, per verificare la fattibilità dell’atto di indirizzo. “Dalle interlocuzioni avute con la Sottosegretaria di Stato al MEF, Alessandra Sartore e il presidente della Commissione Finanze e Tesoro del Senato, Luciano D’Alfonso, – conclude Lapunzina – per la fase di avvio sarebbero state individuate le risorse da destinare alla norma. Non sono bastevoli ma serviranno per dare la possibilità a chi ancora resiste di guardare al futuro con fiducia. In attesa che tra la Regione e lo Stato si definisca di destinare legittimamente il cespite tributario dell’Iva all’importazione, maturata in Sicilia, al finanziamento strutturale della Legge”.

Il commento di Anci Sicilia

“La perimetrazione delle Zone Franche Montane rappresenta un importante traguardo per i 159 comuni dell’Isola che potranno ottenere importanti benefici in termini di fiscalità di vantaggio e contributi sociali. Ci auguriamo, adesso, che il parlamento nazionale dia il via libera alla legge per l’istituzione delle ZFM in Sicilia, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo economico dei territori interessati e arginare il processo di spopolamento”. Lo ha detto Leoluca Orlando, presidente di Anci Sicilia, l’associazione dei comuni.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
300FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli