fbpx

Ail Catania festeggia 25 anni. “A supporto di medici e pazienti”

Sostegno dei reparti di Ematologia del Policlinico e dell’ospedale Garibaldi. Assistenza domiciliare e sostegno dei pazienti e delle loro famiglie. L'attività di Ail Catania parte dal 1998

AIL Catania festeggia le sue nozze d’argento con un convegno al Museo Diocesano. Circa 1 milione e 600mila euro per la ricerca; 1 milione e 75mila euro a sostegno dei reparti di Ematologia del Policlinico e dell’ospedale Garibaldi. E ancora 700mila euro per l’assistenza domiciliare e 190mila a sostegno dei pazienti e delle loro famiglie. Questi i numeri in 25 anni di operato.

Ail Catania propone anche assistenza domiciliare

Una storia iniziata nel 1998, anno in cui il presidente Riccardo Bottino propose di fondare la sezione di Catania, prendendo a modello quanto fatto nel 1969 da Franco Mandelli, istituendo AIL Nazionale. “Oggi – spiega Bottino – contiamo 44 soci, 142 volontari, è il supporto di molteplici medici e ricercatori. Figure fondamentali per portare avanti campagne di sensibilizzazione, attività di raccolta fondi e servizi indispensabili”. Azioni messe in campo che hanno consentito ad Ail Catania di fare passi da gigante: “Oggi è possibile guarire da patologie che 50 anni fa erano difficili da affrontare – aggiunge il presidente Bottino – inoltre, dal 2001 offriamo assistenza domiciliare, consentendo ai pazienti che non possono recarsi nelle strutture ospedaliere di avere le terapie di cui necessitano. Mentre dal 2019 è stato attivato un servizio navetta per i soggetti affetti da mieloma multiplo: ben 2.066 viaggi, 58.541 chilometri e 22 assistiti“.

Leggi anche – Tumori: a Biancavilla troppe morti. La fluoro-edenite continua a uccidere

Attivi anche in pandemia

Tra i progetti portati avanti da AIL Catania anche “Cura e nutrizione del paziente onco-ematologico cronico”. Iniziativa ambiziosa che si avvale della presenza di medici, psicologi, biologi nutrizionisti e consulenti di immagine, allo scopo di sostenere il paziente non solo dal punto di vista medico, ma anche emotivo e alimentare. “Una buona condizione psico-fisica può contribuire positivamente alle cure», sottolinea ancora Bottino. In 25 anni la forza di AIL Catania è emersa anche nei momenti più difficili, come quello della pandemia, nel 2020. “Pur non potendo erogare alcuni servizi indispensabili – commenta il presidente dell’Associazione – siamo riusciti a garantire la consegna domiciliare delle terapie e a stringere rapporti di collaborazione con scuole e altri enti, grazie a interessanti campagne di sensibilizzazione”.

Leggi anche – Tumori: in Sicilia uccidono di più. Al colon-retto, seno e cervice i più letali

Il ruolo di Ail nel campo dei trapianti

Tra queste è da segnalare “Cuore di Panno”, con la quale AIL Catania – con il supporto di un’infermiera del reparto di Ematologia di un ospedale etneo – consentirà a un paziente extracomunitario di ricevere un trapianto dal fratello residente in un Paese del centro Africa. Il tutto grazie al contributo del responsabile dei Trapianti di Midollo Osseo Giuseppe Milone. Un filo conduttore con l’intero operato dell’Associazione Italiana contro Leucemie, Linfomi e Mielomi, che oggi conta 83 sezioni. “Quanto fatto a Catania e in Sicilia dimostra l’importanza della sinergia tra i reparti di Ematologia e AIL, riducendo quasi a zero le migrazioni sanitarie – commenta Pino Toro, presidente di AIL Nazionale – con uno sguardo più ampio, la collaborazione e gli investimenti nella ricerca, quasi 20 milioni solo nel 2022 in Italia, oggi garantiscono una migliore qualità e maggiore aspettativa di vita”.

Premio alla Ricerca per i 25 anni di AIL Catania

Non solo parole, ma fatti. A confermare i dati esposti la testimonianza della paziente Carmela Passanisi e gli interventi di Rosario Giustolisi (direttore emerito Ematologia Università di Catania oggi in pensione), Francesco Di Raimondo (direttore Ematologia Azienda Policlinico-San Marco di Catania), Ugo Consoli (direttore Ematologia Arnas Garibaldi di Catania) e Alessandro Amaro (vicepresidente AIL Catania e presidente Associazione CarlottaXAil). Durante la cerimonia, spazio al professore Giuseppe Alberto Palumbo, che ha presentato il premio alla Ricerca per i 25 anni di AIL Catania, vinto dal ricercatore Andrea Duminuco. A concludere la giornata la consegna delle onorificenze.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

24,800FansMi piace
691FollowerSegui
392FollowerSegui
652IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli