fbpx

Balneari, Confesercenti Sicilia scende in piazza: “Il Parlamento riscriva le regole”

L'associazione boccia la proposta del governo Draghi sul rinnovo delle concessioni, che "getta al macero anni di sacrifici e lavoro e che rischia di svendere le coste a multinazionali"

Anche Fiba Confesercenti Sicilia sarà a Roma per protestare il dieci marzo contro la proposta di legge delega del Governo per il rinnovo delle concessioni balneari. “Una proposta inaccettabile, “dice il presidente regionale Alessandro Cilano, “che getta al macero anni di sacrifici e lavoro e che rischia di svendere le coste a multinazionali. È il tempo di uscire dalle chat e tornare a gridare il nostro dissenso in piazza”. Nei giorni scorsi Cilano ha riunito online gli iscritti a Fiba e ha già raccolto decine di consensi su tutto il territorio regionale da parte di titolari di lidi balneari pronti a partire alla volta della Capitale. Sull’Isola la legge regionale 24 del 2019 in attuazione della legge Nazionale 145 del 2018   ha dettato le regole per il rinnovo delle concessioni: “Molti imprenditori dopo avere presentato la documentazione per ottenere il mantenimento in vita del titolo concessorio fino al 31 dicembre 2033 hanno avviato investimenti, facendo anche ricorso a prestiti. Oggi si trovano senza alcuna sicurezza sul futuro, indebitati e con il peso del calo di fatturato dettato dal primo anno di pandemia”.

Leggi anche – Concessioni balneari, la Regione boccia lo stop alle proroghe: tutelare il settore

“Provvedimento da riscrivere”

Secondo Fiba, il programma del Governo non sta in piedi. “L’applicazione della direttiva Bolkestein”, prosegue Cilano, “presuppone ai sensi dell’articolo 12 della stessa direttiva la verifica della scarsità della risorsa naturale. Un tema rispetto al quale più volte è stato interrogato il Governo Nazionale e Regionale senza mai avere avuto risposte. Questo rende tutto il percorso estremamente difficile e pieno di incertezze soprattutto per le imprese titolari di una concessione demaniale marittima che stando all’attuale formulazione dell’emendamento al DL Concorrenza che traccia i principi su cui si erge la riforma del settore, non avrebbero diritto ad un indennizzo adeguato in quanto non commisurato al valore commerciale delle aziende. In definitiva si tratta di un provvedimento che necessita di una sua profonda riscrittura da parte del Parlamento per un giusto e corretto bilanciamento fra le esigenze di una maggiore concorrenza e la salvaguardia dei diritti degli attuali concessionari”. Sull’Isola sono circa tremila i titolari di concessione demaniale marittima, più di 7.500 gli addetti e 100 mila gli stagionali impiegati nella stagione balneare. 

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
331FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli