fbpx

Bollette triplicate, le imprese del terziario “hanno due mesi di vita”

A subire per primi gli aumenti dei costi per l'energia sono le aziende medie e piccole: quelle a conduzione familiare, concentrate soprattutto nelle zone interne, le più deboli anche al di là della crisi. Per Federterziario "serve una detassazione immediata"

Le piccole e medie imprese del settore terziario in Sicilia resisteranno “non più di uno o due mesi, se non c’è un intervento immediato che vada a dare sostegno, cioè una detassazione”. È l’analisi di Antonino Reina, presidente regionale Federterziario Sicilia, organizzazione che riunisce 15 mila imprese nell’Isola. Si tratta per lo più di aziende tra otto e 15 dipendenti, che operano nell’Isola in ogni settore produttivo: dal commercio al turismo, dai servizi per l’agricoltura alla formazione professionale. “Sono i piccoli e le aziende a conduzione familiare che stanno subendo maggiormente la crisi – spiega Reina – e sono proprio le imprese che nessuno sta rappresentando. Noi ce ne occupiamo, è il nostro nocciolo duro di attività”. L’organizzazione guidata da Reina (a livello nazionale conta 85 mila aziende) ha già avuto incontri con i propri aderenti in presenza dei rappresentanti della Regione per chiedere interventi, “altrimenti – prospetta il presidente – una volta che chiudono le attività non si potranno più riprendere, in particolare quelle che devono sostenere anche i costi per l’affitto dei locali”.

Leggi anche – “Bollette insostenibili”: le imprese di Confcommercio Sicilia spengono le luci

Ripresa turistica vanificata dagli extracosti energetici

“Tutti i settori produttivi sono soggetti al rincaro delle bollette energetiche – osserva Reina – compreso il settore alberghiero, che sembrava esserci avvantaggiato di una ripresa. Ma come sappiamo, da noi il turismo è prettamente stagionale, tutte le strutture chiudono a metà ottobre, a differenza di altre strutture d’Italia che sono attive anche per la ricettività invernale”. La ripresa estiva del settore turistico-alberghiero è stata quindi vanificata dagli extracosti energetici degli ultimi tre mesi: tra giugno e luglio, infatti, le aziende hanno cominciato a ricevere bollette della luce e del gas con maggiorazioni consistenti dei costi, di fatto triplicati. “Questo vuol dire – prosegue il vertice regionale di Federterziario – che quello che fino a due mesi fa costava uno, oggi costa tre. Le aziende possono solo riversare questi costi sul consumatore finale, che non riesce a sopportarli e diminuisce enormemente l’acquisto di prodotti, beni o servizi. Ci vuole una cura e se la cura arriva tardi, rischiamo di perdere un bel po’ di aziende”.

Leggi anche – Caro bollette, Ugl Catania chiede interventi. “Imprese e lavoratori ko”

Le province interne sono le più vulnerabili

Esistono ancora delle distinzioni territoriali tra le varie province siciliane: alcune zone sono più vulnerabili e altre più resistenti alla crisi generalizzata. “L’area interna – spiega Reina – comprende zone come l’Agrigentino o le province di Caltanissetta ed Enna, che hanno avuto da sempre una situazione un po’ più debole. Sono sempre stati territori più esposti, mentre Palermo, Trapani o le province orientali come Catania hanno avuto maggiore afflusso in termini di utili economici”. Nelle zone più fragili, “per piccolissime aziende anche nel settore agricolo – evidenzia il presidente – l’aumento di tutto ha portato al blocco delle vendite e degli acquisti. Dal nostro osservatorio vediamo questo. Quanto possono tenere ancora? Uno o due mesi”, ripete Reina, il cui polso della situazione è dato dalla vasta e diversificata platea di attività economiche monitorate da Federterziario.

Leggi anche – Caro energia, Confcommercio Sicilia: “A rischio 6.500 imprese e 19 mila posti”

Inflazione schizzata all’otto per cento

L’inflazione, ricorda Federterziario nazionale, ha quasi raggiunto l’otto per cento e l’impennata è dovuta proprio al caro energia. Il presidente generale, Alessandro Franco, nei giorni scorsi ha auspicato interventi rapidi, altrimenti “molte piccole e micro-imprese sono destinate a chiudere entro il primo semestre del 2023, con una conseguente drammatica perdita di posti di lavoro”, ha dichiarato. Secondo un’elaborazione dati dell’Arera, l’Autorità di regolazione per l’energia reti e ambiente – ricorda l’organizzazione – il primo trimestre del 2022 aveva già fatto registrare un aumento del prezzo medio del 55 per cento dell’energia elettrica e del 42 per cento del gas. Anche per questo Federterziario nazionale chiede al governo aiuti concreti e sta valutando l’opportunità di presentare un esposto all’Antitrust e all’Arera, per evitare e contrastare possibile speculazioni che si nascondono dietro gli aumenti.

- Pubblicità -
Agostino Laudani
Agostino Laudani
Giornalista professionista, nato a Milano ma siciliano da sempre, ho una laurea in Scienze della comunicazione e sono specializzato in infografica. Sono stato redattore in un quotidiano economico regionale e ho curato la comunicazione di aziende, enti pubblici e gruppi parlamentari. Scegliere con accuratezza, prima di scrivere, dovrebbe essere la sfida di ogni buon giornalista.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

20,110FansMi piace
462FollowerSegui
331FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli