fbpx

Caro voli: Federconsumatori Sicilia invia segnalazione a Enac e Agcm

Collegamenti aerei cari anche con le compagnie low cost per la Sicilia. Superati i 500 euro per la sola andata. L'associazione dei consumatori chiede di indagare. Reputa tali prezzi immotivati dalle sole leggi del mercato

L’aumento dei prezzi dei voli da e per la Sicilia durante le festività natalizie è ingiustificato
e non può essere ricondotto a semplici logiche di mercato, alla domanda che supera
l’offerta. Per questo motivo Federconsumatori Sicilia ha inviato una segnalazione
specifica, contenente esempi pratici di diverse tariffe sospette, all’Agcm (Autorità Garante
della Concorrenza e del Mercato), all’Enac (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) e per
conoscenza anche al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Particolarmente grave è stata la situazione in caso di acquisto del volo a ridosso delle festività: per un Roma-Catania del 21 o 22 dicembre, se prenotato il 19 dicembre, si arrivava a spendere oltre 500 euro solo andata. Ma in realtà c’erano prezzi alle stelle da e per tutti gli aeroporti siciliani: Milano-Palermo, Milano-Catania, Roma-Palermo, Roma-Catania, Bergamo-Palermo, Bergamo-Birgi, Bergamo-Comiso. Nessun volo economico, poi, neanche scegliendo le cosiddette compagnie “low cost”.

Leggi anche – Ita aumenta i voli per la Sicilia. Schifani: “Pannicelli caldi, il problema è il prezzo”

Squilibrio tra domanda e offerta

Le compagnie aeree dichiarano che il carovoli è una normale dinamica di mercato, dovuta
all’eccesso di domanda durante le feste: moltissimi siciliani vogliono tornare a casa e i
prezzi salgono di conseguenza. ITA Airways, tuttavia, ha ammesso di aver sbagliato il
calcolo della domanda sulle rotte siciliane e di aver creato da sola, di conseguenza, un
artificiale squilibrio tra domanda e offerta. Per tale motivo ha messo in atto un piano di emergenza (aerei con più posti e più voli a disposizione), ma il risultato non è stata la discesa dei prezzi: il 19 dicembre, per una partenza il 21 o 22 da Roma a Catania, era possibile prenotare solo un volo “premium” a 509 euro. In ogni caso sembra incredibile che una compagnia che conosce così bene il mercato italiano, come la nuova Alitalia, abbia “sbagliato” il calcolo della domanda di voli a Natale.

Leggi anche – Aereo da Catania a Trapani: dal 30 ottobre tre voli settimanali di Aeroitalia

Possibilità di cartello sui prezzi

Per tale motivo Federconsumatori Sicilia ha chiesto ufficialmente all’Agcm e all’Enac di
indagare sulla possibilità che ci siano stati abusi di posizione dominante (cioè un cartello
sui prezzi) durante le feste natalizie, con la speranza di avere una risposta (e di
conseguenza un messaggio forte da parte delle autorità) entro le prossime feste. 
“Abbiamo appena ottenuto una grande vittoria in merito ai ritardi causati dai cantieri sulle
autostrade siciliane – spiega il Presidente di Federconsumatori Sicilia, Alfio La Rosa – e
crediamo di poter ottenere giustizia anche per il carovoli. Anche in questo caso, infatti,
riteniamo che il fenomeno costituisca un danno diretto non solo ai consumatori, ma anche
all’intera economia siciliana”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli