fbpx

Compagnia aerea siciliana, quattro tentativi in 30 anni. Il Codacons rilancia

Da Air Sicilia a Wind Jet, passando da Aerolinee Siciliane, fermata dal Tar, e dal progetto dell'Ast, interrotto per "mancata volontà politica". Negli ultimi decenni si è cercato più volte di dotare l'Isola di una compagnia, con scarsi risultati. Ma c'è chi non si arrende

In principio fu il volo diretto Catania-Palermo, per spostarsi rapidamente da un capoluogo all’altro in attesa della costruzione dell’autostrada A-19. Erano gli anni Settanta e il problema del trasporto aereo in Sicilia esisteva già, anche se ad affrontarlo era una compagnia, la Ati, Aero trasporti italiani, controllata da Alitalia. Cinquant’anni dopo, la polemica del caro-voli da e per l’Isola è all’ordine del giorno, ma la soluzione appare di là da venire. Dal 1994 a oggi di compagnie siciliane ne sono state fondate due, Air Sicilia e Wind Jet, ma entrambe sono state costrette a chiudere. Altri progetti sono stati lanciati da privati, come Aerolinee siciliane, compagnia ad azionariato popolare presieduta dall’imprenditore Luigi Crispino, ma anche dalla Regione, tramite la partecipata Ast. Nessun tentativo, però, è andato a buon fine. Da ultimo il Codacons ha lanciato l’idea di “una compagnia aerea siciliana, a partecipazione pubblica e privata”, attraverso cui “abbattere tutte le problematiche, dalla spesa alla tutela dei consumatori, con particolare attenzione ai prezzi dei biglietti”. Una proposta che ha già raccolto adesioni, tra cui quella di Crispino.

Leggi anche – Ita aumenta i voli per la Sicilia. Schifani: “Il problema è il prezzo”

Dalla Air Sicilia a Wind Jet

Fondata nel 1994 proprio dall’imprenditore Crispino, Air Sicilia proponeva agli utenti voli diretti da Palermo e Catania per Vienna, Milano e Lampedusa. All’inizio disponeva di un solo aereo, ma con il potenziamento della flotta furono aggiunte tratte per Bari, Malta, Tunisi e Roma, oltre che una serie di voli charter, cioè su aerei noleggiati dalla compagnia, per altre destinazioni europee tra cui Grecia, Germania e Francia. Nel 2001, dopo diverse vicissitudini “non legate alla redditività”, come affermato a FocuSicilia da Crispino, l’azienda fu costretta a sospendere le attività, e nel 2003 venne dichiarato il fallimento. Nello stesso anno l’imprenditore partecipò alla fondazione di Wind Jet, compagnia aerea a basso costo fondata a Catania da Antonino Pulvirenti. “Con la sua flotta di aeromobili Airbus A318 e A319, Wind Jet ha servito oltre 30 destinazioni in tutta Europa”, si legge sul portale specializzato Capa, Centre for aviation. Anche questo progetto, tuttavia, malgrado buoni numeri iniziali si concluse nel 2012, con la sospensione dei voli e in seguito il fallimento.

Leggi anche – Turismo ’22 trainato da food e natura. Il caro energia frena

I tentativi di Crispino e dell’Ast

Anche in anni più recenti, il progetto di una compagnia aerea siciliana è stato riproposto. Nel 2017 Crispino lancia Aerolinee siciliane Spa, compagnia ad azionariato popolare che conta 160 soci e un capitale di 370 mila euro. La partenza, tuttavia, si infrange contro il rifiuto di Sac Spa, società che gestisce l’aeroporto di Catania, di fornire alcuni spazi necessari per ottenere il Certificato di operatore aereo (Coa) dall’Enac, Ente di aviazione civile. Impugnata da Crispino, la decisione è stata confermata ad aprile 2022 dal Tar. Nel 2020 anche la Regione siciliana ha valutato un progetto di compagnia aerea, da realizzare tramite la partecipata Ast, Azienda siciliana trasporti, a sua volta proprietaria di Ast Aeroservizi, che gestisce già l’aeroporto di Pantelleria. “Il progetto era in fase avanzata, e aveva attirato l’attenzione di vari soggetti internazionali pronti a investire, perché in Sicilia si viene soprattutto in aereo”, spiega l’ex presidente dell’Ast Gaetano Tafuri. La nuova compagnia, precisa Tafuri, “avrebbe garantito prezzi calmierati per i passeggeri siciliani, ma da parte della Regione non c’è stata la volontà politica e tutto si è fermato”.

Leggi anche – Voli cari, tasse e concorrenza: ecco perché la Sicilia non decolla

Il progetto del Codacons

Negli ultimi anni, al caro voli si è cercato di rimediare attraverso fondi pubblici o facendo ricorso contro le compagnie. Anno dopo anno, però, il tema si ripropone. A inizio 2023 la mossa del Codacons alla quale, come detto, Aerolinee Siciliana ha dato la propria disponibilità. “Ho avuto una telefonata con il dottor Francesco La Fauci, promotore dell’iniziativa, che mi ha fatto una buona impressione. Speriamo che stavolta ci sia la possibilità di realizzare finalmente questa compagnia siciliana”, commenta Crispino. Gli obiettivi di tutela dei consumatori richiesti dal Codacons, aggiunge l’imprenditore, sono messi nero su bianco nello statuto di Aerolinee. “Abbiamo previsto che il costo di un biglietto non possa superare in nessun caso il doppio del costo vivo di un posto aereo”. Traducendo in numeri, “la tratta Catania-Milano non potrebbe andare oltre i 110 euro, contro gli oltre 200 toccati sotto le Feste”. Altra garanzia, il fatto che “la compagnia non può essere scalata: da statuto nessuno dei soci può avere oltre il cinque per cento dei diritti di voto, per evitare che venga una multinazionale a comprarci”, conclude Crispino.

- Pubblicità -
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci
Valerio Musumeci (Catania, 1992), è giornalista pubblicista e scrittore. Nel 2015 ha esordito con il pamphlet storico-politico "Cornutissima semmai. Controcanto della Sicilia buttanissima", Circolo Poudhron, con prefazione della scrittrice Vania Lucia Gaito, inserito nella bibliografia del laboratorio “Paesaggi delle mafie” dell'Università degli Studi di Catania. Nel 2017, per lo stesso editore, ha curato un saggio sul berlusconismo all'interno del volume "L'Italia tradita. Storia del Belpaese dal miracolo al declino", con prefazione dell'economista Nino Galloni. Nel 2021 ha pubblicato il suo primo romanzo, "Agata rubata", Bonfirraro Editore.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
350FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli