fbpx

Commercialisti catanesi, focus su “Ripresa Sicilia”. Requisiti e opportunità

C'è tempo fino al 5 aprile per presentare la domanda di accesso ai fondi, fino a cinque milioni, da dedicare a investimenti sull’Isola per realizzare progetti di innovazione strategica con un piano biennale

Dai 400 mila euro ai cinque milioni per le Pmi italiane o straniere che, partecipando al bando regionale Ripresa Sicilia, puntano a investimenti sull’Isola per realizzare progetti di innovazione strategica con un piano biennale. Il presidente dell’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania Salvatore Virgillito ha affermato che “il focus sul bando ha dato concrete opportunità ai professionisti per affrontare le criticità, i termini di scadenza e le modalità di concessione dei finanziamenti con un confronto diretto e funzionale”. L’avviso, oggetto di approfondimento per gli iscritti Odcec, è stato reso pubblico il 21 febbraio e prevede complessivamente la disponibilità di 36 milioni di euro, puntando alla valorizzazione economica di processi di sviluppo e alla diversificazione di prodotti e servizi. La modulistica è già disponibile dal 28 febbraio, la presentazione delle domande potrà avvenire a partire dal 5 di aprile sulla piattaforma Irfis.

Ricerca sperimentale e internazionalizzazione

Ha aperto i lavori Elisa Manganaro, consigliere delegato della Commissione studio finanza dell’Odcec di Catania: “Con questo evento – ha spiegato – abbiamo creato un dibattito informativo mirato con gli esperti dell’Irfis, convinti che questa misura possa riservare grandi opportunità, contribuendo a rafforzare il sistema imprenditoriale siciliano. I professionisti hanno un ruolo strategico in questa direzione, la loro formazione agevola il corretto inquadramento delle imprese che, con un’attenta progettazione, possono accedere alle risorse e crescere”. La vicepresidente della Commissione di studio finanza dell’Odcec Giovannella Biondi ha precisato: “Siamo molto vicini alla data di presentazione delle domande del bando Ripresa Sicilia: questo avviso è una vera e propria novità, ha un potenziale promettente perché supporta la ricerca e gli investimenti volti a sostenere la crescita e l’innovazione. I progetti delle imprese di qualità che attenzioneranno quanto è previsto dal bando creeranno sviluppo in Sicilia”. Tra le spese ammesse dal bando, infatti, ci sono programmi di ricerca sperimentale, software per prototipi e attività pilota, attività marketing, internazionalizzazione e e-business per stimolare le imprese a vendere sia in Italia che all’estero. Hanno proseguito i lavori Sebastiano Di Stefano, project manager del parco Scientifico e Tecnologico della Sicilia; Salvatore Calà, responsabile dell’area Affari generali Irfis e Francesco Badalamenti, responsabile dell’area coordinamento territoriale dell’Irfis concessione dei finanziamenti.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
357FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli