fbpx

Etna, Musumeci dichiara lo stato di emergenza per la cenere vulcanica

Il presidente della regione ha attivato la Protezione civile e stanziato primi aiuti per un milione di euro a favore dei paesi colpiti, soprattutto sul versante est del vulcano. Avviata la procedura per l'acquisto di mezzi per la rimozione del materiale vulcanico

Il governo regionale dichiara lo stato di crisi regionale e chiederà a Roma lo stato di emergenza per le decine di Comuni raggiunti dalla cenere dell’Etna. Lo ha annunciato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, dopo un incontro con il capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina. Stamane, un ulteriore parossismo con altissime fontane di lava e la ricaduta piroclastica sui Comuni del versante est, in particolare Milo, Sant’Alfio, Giarre, Mascali, Riposto ha reso la situazione ancora più critica. I paesi del versante orientale del vulcano infatti erano già stati colpiti da una consistente pioggia di cenere e lapilli in seguito all’eruzione del 28 febbraio scorso, e avevano già iniziato a lanciare appelli alla Regione per la gestione degli altissimi costi di pulizia e smaltimento del materiale vulcanico.

Attivata la Protezione civile

La Protezione civile regionale ha già attivato i suoi funzionari della sede di Nicolosi e Catania per effettuare dei monitoraggi e sopralluoghi. Il presidente Musumeci ha annunciato una prima erogazione di un milione di euro a favore dei Comuni colpiti e l’avvio delle procedure per l’acquisto di mezzi idonei alla asportazione della cenere, da tenere a disposizione dei sindaci in caso di necessità. Al tempo stesso il governatore, che nel pomeriggio di oggi ha fatto un sopralluogo nei centri più colpiti, ha affidato all’assessore alla Salute Ruggero Razza il compito di verificare con le istituzioni sanitarie nazionali se la cenere vulcanica possa costituire problemi alla salute delle persone che ne vengono a contatto. “È solo un eccesso di prudenza -puntualizza Musumeci- ma, come si sa, la prudenza non è mai troppa”.

Problemi in autostrada

L’enorme ricaduta di cenere e lapilli di oggi ha provocato grandissimi disagi in molti paesi e alla viabilità, oltre che danni molto rilevanti all’agricoltura e al settore dei vivai molto presenti nella zona. Chiuso per ore, dalla mattinata, il tratto Giarre-Fiumefreddo di Sicilia dell’autostrada Catania-Messina. A Giarre il sindaco Angelo D’Anna ha disposto la chiusura delle scuole per tre giorni per provvedere alla pulizia, limitato la velocità sulle strade cittadine a 20 km/h e vietato l’utilizzo di mezzi a due ruote.

- Pubblicità -
Turi Caggegi
Turi Caggegi
Giornalista professionista dal 1985, pioniere del web, ha lavorato per grandi testate nazionali, radio, Tv, web, tra cui la Repubblica e Panorama. Nel 1996 ha realizzato da Catania il primo Tg online in Italia (Telecolor). È stato manager in importanti società editoriali e internet in Italia e all’estero. Nel 2013 ha realizzato la prima App sull’Etna per celebrarne l’ingresso nel patrimonio Unesco. Speaker all’Internet Festival di Pisa dal 2015 al 2018, collabora con ViniMilo, Le Guide di Repubblica e FocuSicilia. Etnalover a tempo pieno.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli