fbpx

“Intese” tra Regione e Cdm: approvati piano sul disavanzo e riforma appalti

Il governo nazionale non impugna le norme siciliane su ripianamento disavanzo e recepimento del nuovo codice appalti. Due scelte segno di "intesa profonda" con il governo Meloni, secondo il presidente della Regione siciliana Renato Schifani

“La tempestiva approvazione da parte del Consiglio dei ministri della norma di attuazione, intervenuta su proposta del Governo regionale, conferma l’intesa già raggiunta con la precedente legge di bilancio (197/2023) sul ripianamento del disavanzo regionale. Le questioni formali poste in sede di parifica possono così esser superate facendo emergere il poderoso recupero già conseguito dalla Regione che supera i 2,3 miliardi di euro, con il disavanzo che si è ridotto a 4,033 miliardi e che secondo le nostre prime stime nel rendiconto 2023 calerà di altri 800 milioni“. Lo afferma il presidente della Regione siciliana Renato Schifani, commentando l’approvazione da parte di Palazzo Chigi del decreto legislativo che abroga l’articolo 7 del decreto legislativo numero158 del 27 dicembre 2019, in materia di armonizzazione dei sistemi contabili, dei conti giudiziali e dei controlli.

Appalti via libera alla riforma regionale

Contemporaneamente la legge che recepisce in Sicilia il nuovo codice degli appalti nazionale ha passato il vaglio del Consiglio dei ministri. “Sono soddisfatto perché è una riforma che il mio governo ha fortemente voluto per dare norme chiare, in grado di stabilire procedure celeri e trasparenti, a tutte le strutture che nei prossimi mesi dovranno indire gare di appalto per opere pubbliche finanziate con le risorse del Pnrr e della Programmazione europea 2021-2027. È la conferma che, anche grazie alla sinergia con le forze più attente dell’Assemblea regionale, si può ben legiferare nell’interesse della Sicilia”. Ha detto su questo tema Renato Schifani, dopo la decisione del Consiglio dei ministri che, su proposta del ministro degli Affari regionali Roberto Calderoli, non ha impugnato, tra le altre norme esaminate, quella approvata dall’Ars nello scorso ottobre su iniziativa governativa.

Soddisfazione di Schifani e Aricò per “l’intesa profonda”

“La forte sintonia tra il mio governo e quello nazionale, in particolare con il ministro dell’Economia Giorgetti – prosegue il presidente Schifani – é da ultimo confermata dall’accordo di finanza pubblica sottoscritto il mese scorso. Intesa che ha consentito alla Regione di raggiungere un obiettivo storico recuperando sino a 630 milioni di euro sulla spesa sanitaria. L’approvazione della norma di attuazione- conclude – costituisce un nuovo e confermativo passaggio di questa intesa profonda della quale va riconosciuto il merito alla presidente Meloni, al sottosegretario Mantovano e a tutti i ministri”. “È un’ottima notizia – aggiunge l’assessore regionale alle Infrastrutture, Alessandro Aricò in merito alla norma sugli appalti – che premia il lavoro del governo regionale e dell’Ars e soprattutto consente alle stazioni appaltanti di avere gli strumenti più adeguati per utilizzare al meglio le opportunità offerte dalle importanti risorse a disposizione, tra fondi del Pnrr ed europei, per l’avvio di opere pubbliche con le quali indirizzare lo sviluppo e la salvaguardia del territorio della nostra regione”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli