fbpx

Pubbliservizi, lavoratori in agitazione. “Scongiurare oltre 300 licenziamenti”

I sindacati incontreranno venerdì 24 febbraio i liquidatori, per un confronto sul futuro della partecipata. "Subito dopo si concorderanno le giornate di mobilitazione e sciopero"

È stato proclamato lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori della Pubbliservizi di Catania, al termine di un’ assemblea tenutasi stamattina. Il rischio da scongiurare è il licenziamento di ben 333 persone prima del 31 marzo. Proprio lo scorso 17 Febbraio la Pubbliservizi Spa in liquidazione giudiziale ed esercizio provvisorio, ha aperto una procedura di licenziamento collettivo per cessazione attività per centinaia di addetti ai servizi essenziali della Città Metropolitana di Catania. Lo comunicano il segretario generale della Cgil, Carmelo De Caudo, e il segretario generale della Filcams Cgil, Davide Foti. Venerdì 24 si terrà un confronto con i commissari liquidatori della società di servizi essenziali nel corso della quale si terrà il primo confronto previsto dalla procedura. Subito dopo, attraverso un’ulteriore assemblea, si concorderanno le giornate di mobilitazione e sciopero a supporto della vertenza.

Partecipata “cannibalizzata”

“Oggi avviamo un percorso che dovrà assicurare delle garanzie occupazionali per le persone che operano nella Pubbliservizi”, dichiarano De Caudo e Foti. “Catania non può permettersi questa ennesima sconfitta. La partecipata è stata ‘cannibalizzata’ nell’ultimo decennio dalla politica più becera del territorio, come emerge da inchieste incardinate nel tempo, e oggi, purtroppo, a pagare il prezzo più alto sono le lavoratrici ed i lavoratori. Il fallimento giudiziale rispecchia la disfatta delle istituzioni sia politiche che tecniche e arriva in un momento di grande crisi del territorio catanese. L’apertura di questa procedura denota come ancora oggi non ci sia stata una proposta della Città Metropolitana capace di rassicurare il giudice fallimentare su un percorso concreto di salvataggio della Partecipata. Grazie alla Prefetta di Catania teniamo ancora aperto un “tavolo di crisi” che punti l’attenzione sul lavoro e sui servizi di garanzia del servizio pubblico essenziale; ci riferiamo all’assistenza alla viabilità, alla gestione della stagione invernale sull’Etna, all’assistenza e alla pulizia negli istituti scolastici e a molto altro.

Le richieste dei sindacati

“Abbiamo richiesto insieme alla Cisl e alla Fisascat un incontro urgente al Presidente della Regione, che qualche giorno fa ha proposto la costituzione di una società speciale che possa, da un lato garantire il servizio e dall’altro tutelare il lavoro”, concludono i dirigenti del sindacato. “Sono però tanti i dubbi che vorremmo chiarire con questa convocazione, con la speranza che la Presidenza veda nelle parti sociali un’occasione di collaborazione e concertazione senza la quale difficilmente si potranno garantire salari e stipendi. Solo così si potrà ripartire con trasparenza e controllo per evitare i gravi errori già compiuti”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli