fbpx

Ravanusa, sindacati degli inquilini: aiuti per chi ha perso la casa nella tragedia

Le famiglie saranno sostenute dal Fondo per il sostegno all’affitto, finanziato con 15 milioni dal governo nazionale. Aiuti anche per le vittime delle frane di Polizzi Generosa e Petralia

Le famiglie che hanno perso la casa nella tragedia di Ravanusa e per le frane nei comuni di Polizzi Generosa e di Petralia riceveranno le somme necessarie a pagare i canoni d’affitto per almeno un anno. È stato deciso nell’incontro dell’Osservatorio regionale sulla casa, tenutosi nei giorni scorsi a Palermo, presso l’assessorato regionale alle Infrastrutture. Ne danno notizia i sindacati degli inquilini, Sunia, Sicet, Uniat. In una nota, i segretari generali delle tre sigle, Giusi Milazzo, Santo Ferro e Giovanni Sardo valutano positivamente la decisione assunta nell’ambito dell’Osservatorio e gli altri impegni presi dai soggetti che ne fanno parte (sindacati, Anci, Iacp, Regione). Verranno utilizzate per lo scopo il Fondo per il sostegno all’affitto, per il quale il Governo nazionale ha stanziato circa 15 milioni di euro a valere sull’anno 2021, che verrà rimpinguato da risorse regionali.

Stanziati 15 milioni nel 2021

Milazzo, Ferro e Sardo riferiscono di avere chiesto di “accelerare al massimo i tempi considerato che le circa 40 famiglie coinvolte nella tragedia di Ravanusa sono in gravissimo stato di disagio già da mesi”. L’osservatorio anche affrontato il tema della morosità incolpevole per gli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica. “Abbiamo proposto”, dicono i segretari di Sunia, Sicet, Uniat, “che si elaborasse un intervento normativo ad hoc in modo da poter intervenire, con le opportune verifiche, sui tanti casi di famiglie in gravi difficoltà impossibilitate a pagare cifre consistenti di arretrati per i canoni non corrisposti proprio per le precarie condizioni economiche”. Altro tema trattato è stato quello della creazione di una banca dati degli immobili confiscati alla mafia e di quelli pubblici non utilizzati di proprietà di aziende ospedaliere, Ipab, Comuni, da poter destinare a fini abitativi.

No al consumo di suolo

“Va modificata sostanzialmente la concezione dell’edilizia popolare”, sostengono Milazzo, Ferro e Sardo, “che va reinsediata nei centri urbanizzati utilizzando gli immobili pubblici non utilizzati che contribuiscono per il loro abbandono al degrado delle città”. Sunia Sicet e Uniat hanno poi sostenuto che anche a causa dell’acuirsi del disagio abitativo e dell’aumento degli sfratti “è indispensabile aumentare l’offerta di alloggi senza ulteriore consumo di suolo”. “La proposta è stata condivisa da tutti i partecipanti all’Osservatorio, riferiscono i tre esponenti sindacali, “verificheremo che gli impegni presi vengano rispettati”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli