fbpx

“Salta” il tavolo della salute all’Asp di Catania. I sindacati vanno via

Cgil, Cisl, Uil e Ugl si sono ritirati a causa della mancanza di convocazioni e delle preoccupazioni sull'efficacia dell'organismo. L'obiettivo era discutere della carenza di personale medico, della chiusura di reparti ospedalieri e dell'uso delle risorse del Pnrr per la sanità territoriale

I sindacati lo definiscono “un clamoroso strappo“: all’incontro del “Tavolo della salute” tra le sigle sindacali confederali, di categoria e dei pensionati di Cgil, Cisl, Uil e Ugl, l’Azienda sanitaria provinciale di Catania avrebbe convocato “senza preavviso” anche la “delegazione trattante aziendale“. Motivo per cui, di comune accordo, hanno deciso di lasciare la riunione in polemica. L’episodio è avvenuto questa mattina all’inizio dei lavori con l’obiettivo di “sottolineare principalmente un disagio maturato dopo oltre un mese d’attesa”, scrivono i sindacati etnei in una nota congiunta.

Leggi anche – Chiusura Punto nascita di Bronte. Cgil Catania: Regione non investe in sanità

I passaggi dalla convocazione allo “strappo”

Il perché si siano arrivati allo “strappo” è spiegato nella nota: lo scorso 25 maggio i sindacati avevano inviato una richiesta di convocazione urgente, a seguito della chiusura di reparti ospedalieri e ambulatoriali per carenza di personale medico e sanitario, ma anche per fare il punto sull’impiego delle ingenti risorse stanziate con il Pnrr per la sanità territoriale. Una richiesta alla quale l’azienda risponde “soltanto il 21 giugno” convocando l’incontro per oggi, 3 luglio. L’allargamento della riunione alla delegazione trattante aziendale è stata quindi “una sorpresa” per i rappresentanti dei lavoratori, arrivata “senza nessun preavviso“. “Una novità inaspettata” per Cgil, Cisl, Uil e Ugl, firmatari dell’intesa che ha portato alla nascita del Tavolo della salute, che si è andata a sommare, scrivono nella nota “alle perplessità maturate nelle ultime settimane sulla reale funzione dell’organismo connessa al concreto interesse dell’Asp a portarlo avanti in modo efficace ed efficiente”.

Dubbi sull’attività del Tavolo

“Avevamo già intenzione, durante la riunione odierna, di avere una risposta certa da parte della dirigenza dell’Azienda sanitaria provinciale su come avrebbe avuto intenzione di proseguire l’attività del Tavolo, alla luce della mancata osservazione in più occasioni del protocollo sottoscritto nel 2021 – fanno sapere i segretari generali territoriali Carmelo De Caudo, Maurizio Attanasio, Enza Meli e Giovanni Musumeci. Il Tavolo della salute, come previsto nell’accordo, doveva essere convocato con cadenza mensile per il monitoraggio costante dei vari aspetti della sanità nel nostro territorio e, invece, ci siamo ridotti a dover inseguire chiedendo di poter essere convocati sulla base di argomenti da noi proposti. Nessuna urgenza quindi per l’Azienda che ha anche ben pensato di farci trovare nello stesso luogo e alla stessa ora, per la medesima riunione, altri soggetti che non c’entrano nulla con lo spirito del Tavolo“, tuonano De Caudo, Attanasio, Meli e Musumeci.

Leggi anche – Bronte, chiude il punto nascita. Ci sarà un’ambulanza h24 verso Biancavilla

“Da mesi non abbiamo più notizie sul Pnrr”

I sindacati sottolineano che lo strappo è solo con Asp, e quindi “senza rimostranza alcuna nei confronti di queste sigle sindacali che, loro malgrado, si sono ritrovati in questa situazione, abbiamo concordato di alzarci e andare via per rispetto del Tavolo e di ciò che per noi rappresenta, chiedendo una riconvocazione urgente in mancanza della quale provvederemo diversamente. Dovevamo parlare della gravissima carenza di personale medico e sanitario nelle strutture ospedaliere di Catania e provincia, nonché della questione relativa ai ‘medici a gettone’, della chiusura del punto nascite di Bronte e delle persistenti problematiche dell’ospedale di Caltagirone. Da mesi non abbiamo più notizie dall’Asp dello stato di avanzamento dei progetti finanziati con i fondi del Pnrr. Riteniamo questo atteggiamento (oltre quello poco collaborativo da parte di alcuni uffici) non rispettoso nei confronti di chi rappresenta i lavoratori e gli utenti del servizio sanitario regionale, che continuano a credere nella pratica assidua della concertazione per il miglioramento anche delle prestazioni sanitarie ed assistenziali in favore dell’intera comunità. Ci auguriamo – concludono i quattro segretari, anche a nome delle categorie e dei pensionati che fanno parte del Tavolo provinciale della salute – che quanto avvenuto stamane sia stato per l’Asp solo uno sgradevole incidente di percorso e che la Direzione generale possa fare immediatamente chiarezza sul futuro del Tavolo stesso, che per noi rappresenta uno strumento importante soprattutto in questa fase particolare in cui la sanità sta cambiando profondamente, anche nella nostra area metropolitana”, concludono i sindacalisti.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

24,800FansMi piace
691FollowerSegui
392FollowerSegui
652IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli