fbpx

Sanità calatina, Cisl Catania in piazza con 15 sindaci: “La politica dia risposte”

Il sindacato etneo ha partecipato a una manifestazione senza bandiere a Caltagirone, insieme ai primi cittadini del comprensorio. Chieste un tavolo alla Regione per dare "immediate risposte in merito alle stabilizzazioni e ai concorsi pubblici tanto enunciati"

“Esserci per cambiare”. Con questo spirito oggi la Cisl è scesa in piazza a Caltagirone, in una manifestazione senza bandiere e senza schieramenti politici, promossa dai 15 sindaci, capitanati dai primi cittadini di Caltagirone, di Grammichele e di Militello, per rivendicare il diritto alla salute pubblica di tutto il comprensorio calatino. “Questa è una vertenza che non può essere solo di ‘alcuni'”, dicono Maurizio Attanasio, segretario generale della Cisl di Catania, e Nino Rogazione, responsabile Cisl di Caltagirone, “questa è una vertenza sulla sanità che interessa una comunità fatta di persone”. “Fanno bene i due sindaci di Caltagirone e Grammichele a ribadirlo”, sottolinea Attanasio, “questa non è la vertenza di una parte politica e nemmeno di una sigla sindacale. Questa è la vertenza di un popolo e di tutti i suoi rappresentanti. Il servizio sanitario nazionale non può e non deve abbandonare il territorio di periferia dove esistono comunità operose che reclamano parità di fruizione dei servizi essenziali”.

Chiesto un “tavolo” per la salute

Per il segretario della Cisl catanese “non si può negare il diritto alla salute”. “Sull’emergenza-urgenza dei presìdi sanitari non bastano più interventi tappabuchi”, afferma, “la politica ha generato questa condizione, la politica deve dare soluzione a una condizione che continua a penalizzare le legittime aspettative della gente del Calatino”. “Da parte nostra”, aggiunge, “nei prossimi giorni, chiederemo all’Asp di Catania la convocazione urgente del tavolo della salute. Occorrono infatti immediate risposte in merito alle stabilizzazioni e ai concorsi pubblici tanto enunciati, su cui occorrono maggiori chiarimenti. Vogliamo sapere se è stata prevista l’applicazione delle normative sul personale Covid e la destinazione di quanti sono stati assunti o saranno stabilizzati e/o assunti a seguito di procedure selettive o concorsuali”.

No alle “cattedrali vuote”

“Basta con questa pantomima e col continuare a sventolare la ‘riforma sanitaria’ prevista dal Pnrr senza avere una visione dei reali bisogni del territorio”, conclude  Attanasio, “si dica in modo chiaro e pubblico qual è il modello della sanità pubblica che si vuole dare e ci dicano con quale personale lo vogliono attuare. Altrimenti, come la Cisl e i suoi due Comparti, delle Professioni sanitarie e dei Medici hanno sempre detto, si rischia di aver affermato solo bei princìpi ma si finirà per costruire nuove cattedrali vuote, generando sperequazioni tra la società e il diritto alla salute, tra chi può permettersi di curarsi anche privatamente e chi no”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

21,128FansMi piace
511FollowerSegui
349FollowerSegui
- Pubblicità -

Ultimi Articoli