fbpx

Sicilia, nel 2023 già 11 morti sul lavoro. Cgil, Cisl e Uil: “Ripensare la sicurezza”

La denuncia della Triplice in una lettera inviata oggi al presidente della regione Schifani e agli assessori alle Politiche sociali e alla Salute, Nuccia Albano e Giovanna Volo

Undici morti sul lavoro e un balzo in avanti delle denunce di malattie professionali di oltre il trenta per cento (30,54): da 298 del primo trimestre 2022 a 389 nello stesso periodo di quest’anno. Un dato che allarma Cgil Cisl e Uil che sono tornati a mettere nero su bianco le preoccupazioni del mondo del lavoro in una lettera inviata oggi al presidente della Regione Schifani e agli assessori regionali, delle politiche sociali Nuccia Albano e alla Salute, Giovanna Volo. A firmarla per le tre segreterie regionali, Francesco Lucchesi (Cgil), Rosanna Laplaca (Cisl) e Ignazio Baudo (Uil). I sindacati chiedono al governo un “incontro urgente” sul tema. Non una zoommata episodica, puntualizzano. Serve infatti “rendere strutturale il confronto” con tutte le parti interessate, per un “ripensamento radicale delle azioni messe in campo” fin qui. Tanto più, se si pensa che l’intero 2022 ha totalizzato ben cinquanta morti sul lavoro. E quest’anno le premesse, purtroppo, non sembrano da meno.

Il confronto con Schifani

Così Cgil Cisl e Uil tornano a sollecitare “il superamento delle criticità emerse” riguardo all’attuazione del protocollo firmato nell’agosto scorso tra Regione e Ispettorato nazionale del Lavoro, per il contrasto all’illegalità nei luoghi in cui si presta nell’Isola qualunque attività professionale. Obiettivo, puntualizzano, è “soddisfare il fabbisogno stimato a suo tempo dallo stesso assessorato che individuava in 256” il numero degli ispettori necessari. Sono poco più di sessanta, al momento, quelli in attività. Per questo Cgil Cisl e Uil si rivolgono direttamente a Schifani: “Prendiamo atto positivamente”, scrivono, “della palesata volontà del presidente della Regione Siciliana, di ricercare soluzioni atte a incrementare il risicato numero degli ispettori” attualmente in organico negli Ispettorati territoriali del lavoro. Ma servono azioni a monte che rendano permanenti le politiche di contrasto. E soprattutto sono urgenti, “un ripensamento radicale” delle politiche in materia; una strategia condivisa con i sindacati e il mondo delle imprese. E “un percorso di partnership anche con gli enti bilaterali e/o con gli organismi paritetici di settore”.

Prevenzione, formazione e informazione

Cgil Cisl e Uil propongono inoltre l’istituzione di un coordinamento permanente in seno all’Osservatorio regionale sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. E suggeriscono che si riunisca “almeno con cadenza bimestrale”. “Prevenzione, formazione e informazione” così come ogni attività di presidio e vigilanza, sottolineano quindi, “non rappresentano meri costi”. Sono semmai un investimento i cui vantaggi ricadono sull’economia e sulla società attraverso luoghi di lavoro più salubri e sicuri che rendono pure più alta la produttività.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli