fbpx

Superbonus, Cgil, Cisl e Uil plaudono alla norma che impone il rispetto del Ccnl

Per i sindacati il vincolo introdotto nei giorni scorsi dal governo Draghi garantisce "formazione e sicurezza" oltre a premiare "i lavoratori e le imprese che rispettano la legge”

Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil siciliane esprimono apprezzamento per il vincolo dell’applicazione e del rispetto da parte delle imprese edili del contratto nazionale di lavoro del settore, previsto dal decreto sul Superbonus approvato nei giorni scorsi dal Consiglio dei ministri. “È una vittoria della civiltà del lavoro e di tutti i sindacati e le associazioni di impresa del settore che credono e che stanno investendo sulla qualità”, affermano in una nota i segretari generali delle tre sigle, Giovanni Pistorio, Paolo D’Anca, Francesco De Martino. I sindacati sottolineano che “la norma garantendo formazione e più sicurezza tutela e premia i lavoratori e le imprese che rispettano la legge”.

Leggi anche – Catania, il successo del Superbonus. “Fare di più per il rischio sismico”

Lotta alle infiltrazioni criminali

Pistorio, D’Anca e Di Martino rilevano che ”in Sicilia il settore, quasi per intero nel privato, è cresciuto nell’ultimo periodo per volume di affari di circa il 30 per cento. È questa la fase”, sottolineano, “in cui bisogna tenere alto il livello di attenzione a tutela del buon lavoro e contro il rischio di infiltrazioni criminali che tra l’altro finirebbero per rompere il gioco virtuoso messo in campo dalle parti sociali e dal Governo nazionale”. I sindacati siciliani degli edili fanno sapere che “già a partire dal mese di Marzo tutti gli enti bilaterali di settore saranno attivati per le opportune verifiche mentre le Rlst (rappresentanti lavoratori sicurezza territoriali) in giro per cantieri offriranno sussidio, assistenza e si impegneranno per segnalare eventuali anomalie rispetto alle prescrizioni normative”.

Leggi anche – Edilizia, in Sicilia oltre un miliardo di euro dal Superbonus 110 per cento

“Lavoro, coesione, civiltà”

“Il lavoro, sicuro e professionalizzato”, sostengono i tre esponenti sindacali, “fa buone imprese e le imprese serie vanno sostenute contro ogni forma di concorrenza sleale e contro i tentativi di infiltrazione criminale nel settore. Il buon lavoro inoltre premia il cittadino che pretende, e a ragione, un buon manufatto. Facciamo nostro il commento del Ministro Orlando”, concludono Pistorio , D’Anca e Di Martino, “se c’è buon lavoro, se c’è lavoro sicuro, c’è coesione sociale, c’è civiltà. E aggiungiamo che le norme di civiltà vanno difese e sostenute in fase di conversione e su ciò saremo concentrati e vigili”.

- Pubblicità -
Redazione
Redazione
Business, Lavoro, Ambiente, Legalità e Sicurezza. FocuSicilia ha l'obiettivo di raccontare i numeri dell'isola più grande del Mediterraneo. Valorizzare il meglio e denunciare il peggio, la Sicilia dei successi e degli insuccessi. Un quotidiano che crede nello sviluppo sostenibile di una terra dalle grandi potenzialità, senza nasconderne i problemi.

DELLO STESSO AUTORE

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Social

25,010FansMi piace
712FollowerSegui
392FollowerSegui
679IscrittiIscriviti
- Pubblicità -

Ultimi Articoli