fbpx

Vittime dell’amianto: 20 milioni di euro per i lavoratori portuali

Il decreto interministeriale stabilisce le procedure e le modalità di erogazione dell’indennizzo per gli anni 2021 e 2022. Si attende la firma del ministro dell'Economia al decreto interministeriale che stabilisce le procedure e le modalità di erogazione

Si attende la firma del ministro dell’Economia al decreto interministeriale che stabilisce le
procedure e le modalità di erogazione, per gli anni 2021 e 2022, delle prestazioni a carico del Fondo per le vittime dell’amianto, nel settore dei lavoratori portuali. Il documento è stato firmato dal ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Andrea Orlando lo scorso settembre, con limite di spesa pari a 10 milioni di euro per ciascuno dei due anni. Il fondo istituito presso l’Inail, con contabilità autonoma e separata, dalla legge finanziaria del 2008 (n. 244/2007) rappresenta un ulteriore indennizzo economico destinato ai titolari di rendite per malattie correlate all’esposizione all’amianto e, in caso di morte, in favore dei loro eredi titolari di rendita a superstiti. Nel caso specifico riguarda gli eredi di coloro che sono deceduti a seguito di patologie correlate all’esposizione all’amianto nell’esecuzione di operazioni portuali.

Chi potrà accedere

Potranno accedere alla prestazione gli eredi delle vittime che risultino destinatari del risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale, sulla base di quanto liquidato con sentenza esecutiva o con verbale di conciliazione giudiziale. Potranno presentare domanda anche le Autorità di sistema portuale soccombenti in sentenze esecutive o comunque parti debitrici in verbali di conciliazione giudiziale.

Come e quando presentare domanda

Le domande potranno essere presentate all’Inail entro e non oltre 60 giorni dalla data di
pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale, che si occuperà come di consueto della procedura di valutazione della domanda e procederà all’erogazione della prestazione del Fondo a favore degli eredi o delle Autorità di sistema portuale grazie al trasferimento delle relative risorse finanziarie da parte del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali. L’Inail emanerà quindi una circolare di istruzioni, si occuperà, come di consueto della  procedura di valutazione della domanda e procederà all’erogazione della prestazione del Fondo. Sulla base di quanto stabilito dall’articolo 4 del decreto 27 ottobre 2016, l’importo della prestazione è stabilito annualmente dall’Inail, in misura di una quota percentuale  uguale per tutti i beneficiari, in ragione delle domande pervenute e ritenute accoglibili,  dell’ammontare dei risarcimenti stabiliti in sentenza o nel verbale di conciliazione  giudiziale e nel rispetto dei limiti della dotazione del fondo pari, come detto, a 10 milioni di euro per ciascun anno.

La questione amianto

Ricordiamo che l’Italia, con l’approvazione della legge numero 257 nel marzo 1992, è stata uno dei primi Paesi al mondo a vietare estrazione, importazione, lavorazione, utilizzo, commercializzazione e esportazione dell’amianto e dei prodotti che lo contengono. Ma, nonostante il fatto che da tempo sia accertato il suo essere altamente nocivo per la salute, la “questione amianto” non è ancora chiusa. In alcuni Paesi infatti l’amianto è ancora utilizzato e continua a essere prodotto ed esportato. Inoltre, a causa dell’uso massiccio in passato e della sua permanenza nell’ambiente, che richiede adeguate procedure di smaltimento, il pericolo di esposizione dei lavoratori e dei cittadini persiste anche negli Stati che, come l’Italia, hanno scelto di vietarlo. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità le persone ancora esposte all’amianto nei luoghi di lavoro sono circa 125 milioni. Soltanto in Europa sono 15 mila ogni anno le morti correlate all’amianto e l’amianto è responsabile di circa la metà di tutti i decessi per cancro sviluppato sul posto di lavoro.

Link

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2007/12/28/007G0264/sg
https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-01-02&atto.codiceRedazionale=16A09005 
https://www.inail.it/cs/internet/docs/alg-fondo-vittime-amianto-2021_6443167769276.pdf

Giancarlo Ricci e Fiorella Manciagli
Giancarlo Ricci e Fiorella Manciagli
Giancarlo Ricci Professore Ordinario di Diritto del lavoro nel Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania e docente della Scuola di specializzazione per le professioni legali “Antonino Galati”. Esperto in Diritto del Lavoro privato e pubblico, in Diritto Sindacale e previdenziale, e in questioni lavoristiche connesse alla disciplina degli appalti pubblici. È autore di due volumi monografici oltre che di numerosi saggi, articoli e note a sentenza su volumi collettanei e riviste specializzate. Fiorella Manciagli Laureata presso l’Università degli Studi di Catania nel 2016, è Avvocato dal 2019. Da settembre del 2016 collabora con lo Studio legale Avvocati Associati con sedi a Catania, Roma e Siracusa. Si occupa prevalentemente di: Diritto del Lavoro, della previdenza ed assistenza sociale; Salute e Sicurezza sul lavoro; Diritto Civile.

Dello stesso autore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Iscriviti alla newsletter

Social

18,249FansMi piace
313FollowerSegui
341FollowerSegui
- Pubblicità -spot_img

Della stessa rubrica